Senza passare dal viaLa pandemia ha svuotato le carceri di tutta Europa

Molti detenuti sono stati rilasciati per prevenire la diffusione del Covid-19, e nel frattempo anche il tasso di criminalità è diminuito. Il calo più consistente è stato registrato in Turchia. Tuttavia, in alcuni paesi la popolazione incarcerata è aumentata.

Pixabay

Pubblicato originariamente sullo European data journalism network

Il Consiglio d’Europa ha incaricato l’Università di Losanna di condurre uno studio sulla correlazione tra la prima ondata della pandemia COVID-19 e le popolazioni carcerarie in Europa. I dati forniti dalle amministrazioni penitenziarie di 35 paesi sono stati esaminati utilizzando come riferimento quattro fasi temporali nel 2020:

1) Prima della pandemia (31 gennaio)
2) Dopo il primo mese di lockdown e chiusure primaverili (15 aprile)
3) Al termine dei lockdown e delle chiusure primaverili (15 giugno)
4) La fine dell’estate (15 settembre).

I dati cumulativi indicano che tra gennaio e settembre 2020 la popolazione carceraria in Europa è diminuita in media del 4,6 per cento, passando da 121,4 a 115,8 detenuti ogni 100.000 abitanti. I numeri variano da quelli dei dati ufficiali degli Stati membri perché alcuni paesi hanno più amministrazioni carcerarie.

Cambiamenti nella popolazione carceraria dopo lo scoppio della pandemia
Proprio come il COVID-19 ha cambiato la vita delle persone comuni dall’oggi al domani, lo stesso è accaduto nei mondi chiusi delle prigioni. La popolazione incarcerata è diminuita di oltre il 4% tra il 15 marzo e il 15 aprile in 29 amministrazioni carcerarie. È rimasta praticamente invariata (cioè una variazione inferiore al 4%) nel 17% delle amministrazioni penitenziarie e solo un paese ha segnalato un aumento del numero di detenuti. Questo paese è la Svezia, dove (a differenza di altri paesi europei) non c’è stato un lockdown serio, la popolazione poteva muoversi molto più liberamente e la vita è rimasta in qualche modo invariata.

Il grafico seguente indica la popolazione carceraria per centomila abitanti. Mostra dove la diminuzione è stata maggiore (Montenegro); dove l’aumento è stato maggiore (Andorra); la Svezia, che ha scelto di gestire la pandemia in modo diverso (e ha mostrato il più grande aumento della popolazione carceraria dopo Andorra); e la media europea.

Alla fine dei vari lockdown il 15 giugno, il numero di stati con popolazione carceraria in calo è ulteriormente aumentato, ma la tendenza si è invertita verso la fine dell’estate. In 12 paesi ci sono stati aumenti: Monaco (30%), Andorra (22%), Norvegia (16,8%), Lussemburgo (12,1%), Slovenia (10,9%), Finlandia (8,3%), Scozia (7,7%), Cipro (7,2%), Danimarca (6,7%), Belgio (4,8%), Romania (4,7%) e Irlanda del Nord (4,5%). In 22 paesi il numero si è stabilizzato, mentre la Bulgaria e il Montenegro sono state le uniche due amministrazioni carcerarie con una popolazione di detenuti inferiore a settembre rispetto a giugno.

Osservando l’intero periodo gennaio-settembre emergono tendenze generali.

In 20 paesi la popolazione carceraria è diminuita: Montenegro (-21,1%), Francia (-13,4%), Bulgaria (-12,7%), Albania (-12,5%), Portogallo (-12,5%), Italia (-10,8%), Lituania (-10%), Paesi Bassi (-8,8%), Scozia (-8,7%), Lussemburgo (-8,4%), Finlandia (-7,6%), Lettonia (-7,1%), Polonia (-6,8%), Spagna (Catalogna) (-6,3%), Cipro (-6%), Repubblica Ceca (-5,6%), Spagna (-5,1%), Inghilterra e Galles (-4,4%), Slovenia (-4,3%), Serbia ( -4%).

In 11 paesi la popolazione carceraria è rimasta stabile (né è aumentata né è diminuita di oltre il 4%): Azerbaigian, Belgio, Estonia, Ungheria, Liechtenstein, Repubblica Moldova, Monaco, Norvegia, Romania, Slovacchia e Irlanda del Nord.

Infine, in quattro paesi si è registrato un aumento di oltre il 4% dopo la prima ondata di lockdown: Andorra (24,5%), Svezia (5,8%), Danimarca (5,4%) e Grecia (5,2%).

5 paesi hanno riferito di aver rilasciato detenuti come misura preventiva contro COVID-19: Albania, Andorra, Armenia, Austria, Azerbaigian, Belgio, Cipro, Danimarca, Francia, Islanda, Irlanda, Italia, Lichtenstein, Lussemburgo, Monaco, Norvegia, Portogallo, Serbia , Slovenia, Spagna, Turchia, Inghilterra e Galles, Irlanda del Nord e Scozia. Insieme hanno rilasciato143.000 prigionieri tra marzo e settembre. La Turchia si distingue come il paese che ha rilasciato il maggior numero di prigionieri dopo la Russia. Ha rilasciato 114.460 detenuti, quasi il 40% della sua popolazione carceraria. Altre cifre degne di nota includono il 23% dei detenuti in Catalogna (Spagna) e Cipro, il 17% in Francia e Portogallo, il 16% in Slovenia e il 15% in Norvegia.

Va notato che ai prigionieri generalmente non sono state concesse amnistie, ma piuttosto sono stati richiamati in seguito o dovrebbero esserlo. Ciò ha riguardato anche i detenuti in custodia cautelare, ammissibili al rilascio su cauzione.

La pandemia ha amplificato le tendenze esistenti
Secondo il professor Marcelo Aebi, direttore dello studio, la tendenza al calo della popolazione carceraria europea è spiegata non solo dal rilascio dei prigionieri. Anche il sistema di giustizia penale è cambiato nella maggior parte dell’Europa: le autorità cercano sempre più spesso di trovare metodi di punizione alternativi in ​​sostituzione della detenzione. Ci sono motivi finanziari – le carceri sono costose da gestire – ma è anche noto che la punizione può essere raggiunta senza incarcerazione. Per questo motivo troviamo un aumento delle multe, degli arresti domiciliari e dei servizi alla comunità.

La pandemia ha avuto un effetto generalmente positivo sui tassi di criminalità. A seguito delle serrate molte forme di criminalità sono diventate impossibili: non solo i taccheggio sono diminuiti, ma è diminuita anche la criminalità stradale. Con meno persone trovate all’esterno, il crimine di strada è stato reso più difficile. Locali notturni chiusi; i comportamenti criminali tradizionali dovevano essere adattati. Il mercato della droga illegale ha subito un temporaneo rallentamento. Va ricordato che in Svezia, dove non ci sono stati lockdown, la popolazione carceraria è aumentata all’inizio delle restrizioni.

Lo studio rileva inoltre che almeno 3.300 detenuti e 5.100 membri del personale penitenziario sono stati infettati dal Covid-19 in tutta Europa al 15 settembre 2020 nelle 38 amministrazioni penitenziarie che hanno fornito dati al riguardo.