Lo sblocco selettivoTronchetti Provera dice che alcune imprese dovranno licenziare, ma a fine giugno inizierà la ripresa

Le aziende rivolte al mercato estero sono già all’interno di un processo di rilancio che riguarda la Cina, dove la pandemia non c’è più, e gli Stati Uniti – spiega il manager a Repubblica. Ma il processo di riconversione di quelle in crisi «va accompagnato con una riforma degli ammortizzatori sociali che garantisca la formazione e la riqualificazione dei lavoratori per poter accedere ad un’altra occupazione»

Foto Claudio Furlan / Lapresse

«La voglia di ripartire è superiore alla paura di non farcela», assicura in un’intervista a Repubblica Marco Tronchetti Provera, vicepresidente esecutivo e amministratore delegato di Pirelli, una delle settemila aziende che ha messo a disposizione le proprie strutture per vaccinare i lavoratori. La svolta per l’economia, in concomitanza con l’intensificazione delle vaccinazioni, potrebbe esserci verso la fine di giugno – spiega – grazie alle imprese italiane agganciate alla ripresa della Cina e degli Stati Uniti. Nel frattempo però, «alcune imprese purtroppo avranno necessità di licenziare per ristrutturarsi, altre no».

L’ad vede i primi segnali di ripresa dell’economia. «Li vediamo in Cina, cominciamo a vederli negli Stati Uniti ma anche nella buona volontà delle imprese e dei consumatori europei, nonostante le restrizioni a cui sono sottoposti», spiega. «Il mondo desidera ripartire. È importante il fatto che l’opinione pubblica abbia voglia di uscire al più presto dal tunnel, le immagini di New York che ricomincia a vivere sono davvero significative. E sarà importante che tutta l’Italia si agganci alla ripresa globale e non solo il settore industriale perché altrimenti rischiamo una falsa ripartenza».

L’industria italiana è già nella traiettoria della ripresa, continua: «Le imprese rivolte al mercato estero sono già all’interno di un processo di ripresa che riguarda la Cina, dove la pandemia non c’è più, e gli Stati Uniti, dove il presidente Biden sta facendo in sessanta giorni quello che aveva promesso di fare in cento». Ora, «l’accelerazione dei piani vaccinali in Europa può cambiare in breve tempo la prospettiva anche qui».

Quanto all’inversione di rotta nell’economia italiana, dice: «Mi aspetto una prima svolta entro la fine di giugno».

Intanto, sul decreto sostegni, il giudizio è neutrale. «È un primo provvedimento che inevitabilmente deve tenere conto della maggioranza parlamentare che sostiene il governo», risponde il manager. I«l presidente Draghi l’ha detto chiaramente che si deve muovere dentro i confini della sua maggioranza. Questo determina inevitabili compromessi per trovare un equilibrio tra le forze della maggioranza».

E infatti, continua, «ci sono misure che viste da destra sono insufficienti e che viste da sinistra risultano inappropriate. È importante individuare un punto di equilibrio. Ma il vero banco di prova per il governo sarà il Recovery Plan, l’idea di Paese che vogliamo per i prossimi decenni. Il punto cruciale sarà l’esecuzione del piano, la messa a terra delle riforme per modificare situazione ormai cristallizzate».

Poi c’è lo sblocco dei licenziamenti per le imprese industriali. «Ci saranno imprese che per ristrutturarsi dovranno purtroppo ricorrere ai licenziamenti, e altre no», spiega Tronchetti Provera. «Non c’è una contrapposizione tra vaccinazioni e licenziamenti. D’altra parte eravamo l’unico Paese europeo ad avere un blocco di questo tipo, giustificato con la nostra struttura produttiva molto frammentata. Anche qui serve un approccio realistico. Il processo di riconversione delle aziende va accompagnato con una riforma degli ammortizzatori sociali che garantisca la formazione e la riqualificazione dei lavoratori per poter accedere ad un’altra occupazione. Questo sarà un passaggio decisivo».