OfflineIl blackout di Facebook, WhatsApp e Instagram

Molti social della rete di Mark Zuckerberg non sono accessibili: agli utenti che hanno provato a collegarsi dalle app o dal sito internet sono apparsi messaggi di errore

Unsplash

Appena sono iniziati i malfunzionamenti tutti si sono precipitati su Twitter per segnalare il disagio con gli hashtag #Facebookdown, #Instagramdown e #WhatsAppdown. Intorno alle 17:30 Facebook e alcune delle sue app – tra cui Instagram, WhatsApp e Facebook Messenger – sono andate in down contemporaneamente per molti utenti.

Accedere a un qualsiasi social della rete riconducibile al proprietario Mark Zuckerberg era di fatto impossibile: agli utenti sono apparsi messaggi di errore come «Impossibile caricare il contenuto», o «Sei offline», che hanno reso impossibile accedere ai siti e alle applicazioni da altri dispositivi.

I problemi, come segnala Downdetector, inizialmente erano concentrati intorno alla città di Milano. Nel resto d’Europa i problemi sembrano iniziati qualche minuto dopo.

Un portavoce di Facebook, Andy Stone, ha dovuto comunicare (ironia della sorte) via Twitter: «Siamo consapevoli che alcune persone hanno problemi ad accedere alle nostre app e ai nostri prodotti. Stiamo lavorando per riportare le cose alla normalità il più rapidamente possibile e ci scusiamo per gli eventuali disagi».

In un thread su Twitter, John Graham-Cumming, chief technology officer di Cloudflare, una società di infrastrutture web, ha dichiarato che il problema era probabilmente con i server di Facebook, che non consentivano alle persone di connettersi ai suoi siti come Instagram e WhatsApp.

Interruzioni di questo tipo non sono rare per le app, ma è insolito che così tante app interconnesse – per di più tutte della più grande azienda di social media del mondo – smettano di funzionare nello stesso momento (l’ultima volta era capitato nel 2019). Probabilmente è una conseguenza del fatto che l’azienda ha cercato di integrare l’infrastruttura tecnica di Facebook, WhatsApp e Instagram.

Il New York Times scrive che due membri del team di sicurezza di Facebook, che hanno parlato in anonimato perché non erano autorizzati a parlare pubblicamente, «hanno affermato che era improbabile che un attacco informatico avesse causato i problemi, perché la tecnologia alla base delle app era ancora abbastanza diversa da impedire che un attacco hacker le colpisse tutte contemporaneamente».

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter