Father&SonLa passione per il calcio di Alladin e Mohamed Balti tra integrazione e formazione

Il dodicenne con triplo passaporto tunisino, ucraino e italiano gioca con La Dominante, scuola calcio di Monza affiliata al Milan. E da grande sogna di fare il calciatore

Unsplash

«Oggi non abbiamo avuto la partita, dicono che ha piovuto e il campo era bagnato. Giocheremo domani», con la voce triste esordisce così Alladin Balti, un ragazzo di 12 anni con la passione per il calcio e con triplo passaporto: tunisino, ucraino e italiano. Alladin è infatti figlio di Mohamed e Oksana, coppia ucraino-tunisina di cui vi avevamo già raccontato. Lui è nato in Italia, dove il papà è arrivato 33 anni fa. Mentre li intervistiamo, si stanno dirigendo verso casa dopo un’altra giornata di routine: Mohamed lavora durante il giorno, ma nel tempo libero si dedica esclusivamente al figlio e alla sua passione per lo sport. «Da cinque anni circa, durante il mio tempo libero mi dedico ad Alladin e ai suoi allenamenti. Lo seguo sempre e in ogni luogo».

Continua a leggere su Nuove Radici