Il futuro del campo largoEnrico Letta sogna il nuovo Ulivo con Conte e Di Maio

Il segretario del Partito democratico, dopo la scissione dentro i Cinque Stelle, spiega che lavorerà perché i due leader «stiano insieme: stanno insieme nella stessa maggioranza di governo, farò di tutto perché stiano insieme a noi»

Foto Michele Nucci/LaPresse

Dopo la scissione dentro i Cinque Stelle, il cosiddetto campo largo non si intravede più. Il segretario del Partito democratico Enrico Letta – come viene fuori in due colloqui con Repubblica e La Stampa – prova a prendere le misure di possibili nuove coalizioni.

Per rimettere insieme i pezzi di quel che resta delle alleanze del Pd c’è chi evoca un nuovo Ulivo. «L’Ulivo? Mi invitate a nozze. È sempre stato il mio punto di riferimento. Ma nella mia testa vengono prima i contenuti, poi si costruiscono le alleanze. Perché c’è chi si è convinto che con la scissione dei Cinque Stelle è finito il populismo. Non è così», dice Letta da Bruxelles. «Durante la riunione dei progressisti molti mi hanno chiesto cosa fosse successo in Italia. Ho spiegato che ora Draghi è più forte. Il passaggio parlamentare poteva mettere a rischio il governo e invece è uscito più forte».

Ma che ne sarà dell’alleanza con quel che resta dei Cinque Stelle? «Il campo largo è semplicemente il modo per indicare chi sono i potenziali interlocutori», spiega Letta. «A conclusione del percorso delle Agorà svolte in questi mesi, lanceremo un progetto per l’Italia. Lo confronteremo con altri, con chi ci starà e sarà alleato con noi alle elezioni. Il mio obiettivo è tenere il più possibile uniti coloro che potenzialmente possono stare con noi, di fare da magnete. Per quanto mi riguarda ciò che è accaduto martedì non cambia il progetto».

E il segretario, prosegue, lavorerà perché Conte e Di Maio «stiano insieme: stanno insieme nella stessa maggioranza di governo, farò di tutto perché stiano insieme a noi».

Prematuro, secondo Letta, pensare a una adesione di Di Maio al Pd. «Noi siamo il Pd, non scegliamo tra Conte e Di Maio, andiamo avanti sulla nostra strada. Mi auguro che il Pd esca da questa fase più grande e abbia molti soprattutto molti voti».

Fra i ballottaggi di domenica e le elezioni di primavera c’è di mezzo un autunno che si preannuncia difficile. «Durante la riunione del Pse tanti, io compreso, abbiamo fatto presente lo stato di peggioramento della situazione economica e la grande fatica dell’opinione pubblica». Letta intanto incrocia le dita per il test di questa settimana. «Saranno risultati importanti perché si votano tredici ballottaggi e in quelle tredici città noi governavamo solo in due, a Lucca e Cuneo. In tutti gli altri Comuni eravamo all’opposizione. Lì il campo largo l’hanno fatto i candidati sindaci, penso a Verona, a Como, ad Alessandria». In ciascuna di quelle realtà «è stato costruito un progetto per la città che ha aggregato». E ci tiene a ricordare che stasera sarà a Lucca «per il comizio finale del candidato comune con Carlo Calenda, che al primo turno era staccato da noi». Quel Calenda che oggi rifiuta ogni possibile alleanza con Di Maio.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter