Sostenibilità abitativaGli edifici europei saranno ecologici, funzionali e accessibili, dice Ursula von der Leyen

La presidente della Commissione è arrivata a Roma per inaugurare la prima edizione del festival del nuovo Bauhaus europeo, che aggiunge una dimensione culturale al Green Deal e accelera la transizione verde con cambiamenti tangibili nelle città e in ogni angolo del continente

Lapresse

Sono molto felice di essere qui oggi. Alla Pontificia Accademia delle Scienze, dove l’impegno per la scienza e il progresso incontra la devozione ai valori. È un vero onore che abbiate posto il Nuovo Bauhaus Europeo al centro della vostra conferenza. Dimostra l’impatto dell’iniziativa: non solo nel trovare soluzioni ispirate al cambiamento climatico, ma anche nel contribuire a migliorare la vita delle persone nel modo in cui progettiamo e costruiamo le nostre case e città.

È così che avviene il cambiamento nelle società democratiche: dal basso verso l’alto, dove tutti possono essere parte della soluzione. Come la Pontificia Accademia, anche il Nuovo Bauhaus Europeo è guidato da valori. E sono tre i principi in particolare di cui vorrei parlare oggi. Il primo principio è la sostenibilità.

Le persone di fede credono che il Creato sia stato affidato a noi, esseri umani, ma che non ci appartenga. La nostra responsabilità è quella di preservarlo, di prendercene cura e di trasmetterlo alle generazioni future.

Ma per troppo tempo l’umanità ha dimenticato questa responsabilità. Generazione dopo generazione ha sfruttato la natura oltre i confini del nostro pianeta. Abbiamo preso, inquinato, smaltito. E questo deve finire.

Abbiamo bisogno di un nuovo modello, che restituisca alla natura invece di sottrarla. Questo è il Green Deal europeo.

Vogliamo fare dell’Europa il primo continente neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. Abbiamo inserito questa ambizione in una legge vincolante. In quanto regione altamente innovativa e industrializzata, l’Europa può dimostrare che si può fare: creare un’economia circolare che valorizzi intrinsecamente la natura e la salute umana. Che non c’è compromesso tra crescita economica e riduzione delle emissioni di carbonio.

E che le nostre società possono prosperare senza mettere a rischio le generazioni future. Il professor Schnellnhuber ha parlato dell’importanza del settore edilizio nella transizione verde. Gli edifici sono responsabili di quasi il 40% delle emissioni di carbonio in Europa.

Si tratta di una percentuale superiore alle emissioni di CO2 dell’intera economia giapponese. Per questo motivo, una delle prime strategie che abbiamo presentato nell’ambito del Green Deal europeo è stata l’ondata di rinnovamento.

È sostenuta con 53 miliardi di euro dal nostro piano di rilancio, NextGenerationEU. Il Nuovo Bauhaus Europeo funziona come un incubatore per questo piano. Dobbiamo riportare la natura nelle nostre città. Prendiamo ad esempio il nostro nuovo centro di ricerca europeo nella città spagnola di Siviglia.

Di recente, la Commissione europea ha dato il via libera a questo nuovo edificio. Ospiterà oltre 400 scienziati internazionali.

L’edificio non sarà solo completamente neutrale dal punto di vista delle emissioni di carbonio, ma anche positivo dal punto di vista energetico. Ciò significa che l’elettricità rinnovabile generata in più potrà essere immagazzinata e persino condivisa con la rete.

Un edificio che restituisce più di quanto prende. Questo è il potere dell’innovazione verde. Ma il Nuovo Bauhaus Europeo va oltre. Crediamo che tutto ciò che facciamo, tutto ciò che costruiamo non debba solo tendere alla funzionalità, ma anche alla bellezza.

Questo mi porta al secondo principio del New European Bauhaus: gli esseri umani hanno bisogno di bellezza per prosperare. E qui non parlo solo di estetica. Mi riferisco anche a un altro tipo di bellezza: la qualità della vita. In Lussemburgo c’è un progetto che ha recentemente vinto un premio Bauhaus: Un nuovo edificio per un asilo nido e una scuola elementare. È stato costruito quasi interamente in legno.

Sono stati utilizzati anche altri elementi naturali, come paglia, argilla e lana, tutti di provenienza locale. Come sapete, il legname tagliato in modo sostenibile può ridurre le emissioni di carbonio di un edificio fino al 60%. Papa Francesco ha ragione quando dice che gli esseri umani non sono fatti per essere sommersi da cemento e acciaio.

Costruire di più con elementi naturali, come il legno, fa bene sia al pianeta che al benessere delle persone. Il principio Bauhaus della sostenibilità e della bellezza si traduce bene in altri settori della nostra economia. Come l’industria della moda.

Il Nuovo Bauhaus Europeo sta lavorando con l’industria creativa. Questo settore impiega oltre 2 milioni di persone in Europa. L’obiettivo di questa collaborazione è quello di promuovere materiali basati sulla natura, la riduzione dei rifiuti e l’uso di sostanze chimiche nel processo di produzione.

Il mercato è in crescita in tutto il mondo. I cittadini di tutto il mondo vogliono prodotti accessibili, sostenibili e belli. I marchi culturali e creativi europei di fascia alta rappresentano oltre il 70% del mercato mondiale. Questo è solo un altro esempio di come il Nuovo Bauhaus Europeo possa promuovere e accelerare la transizione verde.

Per il successo del Green Deal europeo è molto importante che le persone lo abbraccino come progetto personale. Perché un cambiamento così fondamentale non richiede solo denaro e leggi. Richiede milioni di idee e l’entusiasmo di cittadini, imprese e scienziati.

Questo mi porta al terzo e ultimo punto. il Green Deal europeo avrà successo solo con la partecipazione di tutti. E il Nuovo Bauhaus Europeo offre un quadro meraviglioso per questo. Abbiamo avviato l’iniziativa con un periodo di co-creazione.

Si sono svolte centinaia di discussioni ed eventi. Centinaia di esperti, ma anche migliaia di cittadini hanno contribuito con le loro idee.

La partecipazione è la chiave del nostro successo. E vediamo già che funziona: a distanza di quasi due anni è difficile contare tutte le iniziative di base e dei cittadini intorno al Nuovo Bauhaus Europeo.

E a volte siamo persino sorpresi di venire a conoscenza di nuove iniziative. Una di queste sta attualmente sviluppando concetti di New European Bauhaus per le scuole, per rendere gli edifici più sostenibili, ma anche migliori per gli alunni e gli insegnanti. Nella Repubblica Ceca, cittadini e architetti stanno lavorando su un concetto per trasformare l’intera città in un posto migliore in cui vivere. Il Nuovo Premio Bauhaus Europeo che assegneremo sabato è un grande specchio di questo movimento: Abbiamo ricevuto diverse migliaia di candidature da tutta l’Unione Europea, da Cipro alla Finlandia, dai Paesi Bassi alla Polonia orientale.

Saranno premiati i progetti migliori, ma tutti sono ottimi esempi di ciò che è possibile fare. Per sostenere tutti coloro che stanno guidando la transizione verde sul campo, abbiamo recentemente lanciato il New European Bauhaus Lab.

È uno spazio di co-creazione per progetti che migliorano la nostra vita quotidiana. E i Bauhaus si stanno diffondendo: un Bauhaus delle montagne guidato dalla regione italiana del Nord-Sud Tirolo, un Bauhaus nordico sulla circolarità e l’architettura a basse emissioni di carbonio e un Bauhaus della regione del Danubio che riunisce tutti i Paesi che si trovano lungo il meraviglioso fiume.

Inoltre, con tutti i partner – oltre 450 organizzazioni nel frattempo – il Laboratorio sta lavorando a una strategia di etichettatura per definire ciò che rende gli edifici o i prodotti “simili alla Nuova Bauhaus europea”. Questo tipo di policy-making è dal basso verso l’alto, co-creativo e orientato alle soluzioni.

La transizione verde è tanto più sostenibile quanto maggiore è la partecipazione dei cittadini. Più tardi, oggi, daremo il via al primo Festival del Nuovo Bauhaus Europeo.

Dove tutti coloro che sono già impegnati nell’iniziativa, o che vogliono contribuire, potranno incontrarsi e condividere. Più di 200 eventi locali si svolgeranno in tutta Europa. Oltre 100 progetti saranno presentati a Bruxelles – e questa è solo una piccola selezione di tutti quelli che si sono candidati.

Signore e signori, il Nuovo Bauhaus Europeo è progettato da tutti, per tutti. È davvero una visione condivisa. Dobbiamo riunire tutte le persone di buona volontà. Persone che vogliono un pianeta più sano, che vogliono una migliore qualità della vita, che vogliono essere parte della soluzione. Come ha scritto Papa Francesco nell’Enciclica Laudato Si’: «L’umanità ha ancora la capacità di lavorare insieme per costruire la nostra casa comune. È tempo di riunire l’intera famiglia umana. Perché sappiamo che le cose possono cambiare».

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter