Batterie caricheIl piano per la più grande rete di colonnine autostradali per auto elettriche

Il progetto di Autostrade per l’Italia prevede cento nuove stazioni che renderanno possibili viaggi a lunga distanza ai guidatori di e-car

La più grande rete di stazioni di ricarica ad alta potenza per veicoli elettrici in Italia, in ambito autostradale sarà presto messa in funzione. Questo è il piano ambizioso di Austrade per l’Italia per risolvere Il più grande problema storico per l’industria dell’auto elettrica: la difficoltà per di compiere tratte a lunga distanza. Già nel maggio 2021, con l’entrata in funzione della prima stazione Hpc (High Power Charger) nell’Area di Servizio di Secchia Ovest, Aspi dato inizio alla realizzazione del network di 100 stazioni di ricarica che assicureranno da nord a sud, la copertura dell’intera rete.

Fino al completamento del piano, previsto per il 2023, saranno avviate in media 4/5 nuove stazioni ogni mese. L’investimento complessivo per le 100 stazioni di ricarica ad alta potenza è di 75 milioni di euro, completamente finanziati dalla società Autostrade per l’Italia.

Attraverso procedure competitive a evidenza pubblica, è stata effettuata la selezione dei fornitori di attrezzature per colonnine in grado di erogare 300 kW di potenza che permettono tempi medi di ricarica di 15 – 20 minuti. 

In ognuna delle 100 stazioni, da nord a sud, saranno installati da 4 a 8 punti di ricarica multi-client, che consentiranno tempi di ricarica celeri e compatibili con un viaggio anche di lunga percorrenza con un’auto elettrica (ad esempio Milano-Roma), assicurando un’esperienza di viaggio simile a quella di un veicolo con motore tradizionale a combustione interna. 

Una volta completato il piano di installazione, previsto su 100 aree di servizio della rete, la distanza media tra un’area di ricarica e l’altra sarà di circa 50 km, pari alla distanza media tra le aree di servizio a livello europeo, nonché in linea con la proposta di regolamento europeo, all’interno del pacchetto di misure sul clima “Fit for 55”. 

All’interno di questo progetto si inserisce Free To X, una start-up del gruppo Autostrade per l’Italia nata nel 2021, dedicata allo sviluppo di servizi avanzati per la mobilità, che offre soluzioni per migliorare l’esperienza di viaggio a 360°, puntando su innovazione, tecnologia e sostenibilità. 

Free To X consentirà la neutralità tecnologica, ricaricando le diverse tipologie di veicoli che viaggiano in autostrada con energia 100 per cento green; neutralità commerciale, garantendo l’accesso, a parità di condizioni, a tutti i principali operatori della mobilità elettrica (Mobility Service Provider) che hanno il rapporto con gli utilizzatori finali, anche attraverso le principali piattaforme di e-roaming; neutralità geografica coprendo, da nord a sud, l’intera rete autostradale di Autostrade per l’Italia. 

Colonnine di ricarica in Liguria

I conducenti di auto elettriche, attraverso le app o card dei Mobility Service Provider potranno così usufruire dei servizi di ricarica in totale autonomia, h24 e 7 giorni su 7, impiegando gli stalli per il tempo necessario al rifornimento delle batterie del proprio mezzo.

Nel prossimo futuro, Free To X mira a diversificare l’offerta dei servizi, sviluppando progetti anche oltre la rete autostradale. Lo scorso 12 settembre, la società ha inaugurato prima Superfast Charging Station all’aeroporto di Milano Linate, tra le più grandi stazioni di ricarica presenti in un aeroporto internazionale. 

Coperta da pensiline e dotata di 5 colonnine ultrafast (con potenza di erogazione fino a 300kW), la Superfast Charging Station all’Aeroporto di Milano Linate consentirà di caricare 10 veicoli contemporaneamente presso lo scalo. I punti consentono di ricaricare le auto di ultima generazione in 15/20 minuti, saranno operativi 24 ore su 24 e accetteranno tutte le forme di pagamento con i principali Mobility Service Provider. 

Le stazioni di ricarica negli aeroporti di Milano, così come quelle sulla rete di Autostrade per l’Italia, sono alimentate con energia 100 per cento rinnovabile e rappresentano il più alto standard tecnologico in termini di capacità e affidabilità attualmente disponibili. Il progetto vede Free To X nel ruolo di Charge Point Operator delle stazioni e Atlante, società del Gruppo NHOA, partner per la realizzazione e gestione dei servizi di energy management. Il progetto avviato oggi comprende inoltre 2 colonnine aggiuntive, di cui una superfast (fino a 150kW), capaci di caricare 4 auto elettriche alla volta, installate nelle aree esterne ai Terminal dedicati all’aviazione privata.

Colonnina di ricarica a Linate

Le stazioni di ricarica avranno un layout altamente innovativo – con un design capace di integrarsi al contesto aeroportuale – che consentirà a utenti, passeggeri, cittadini e operatori aeroportuali, di usufruire di 15 nuove postazioni di ricarica elettrica ultra-fast, operative 24 ore su 24. 

Con il lancio dell’App Free To X, i viaggiatori avranno a disposizione uno strumento innovativo che consente di accedere al cashback. Il Cashback è un servizio unico in Europa e in Italia, lanciato da Autostrade per l’Italia tramite Free To X, a beneficio dei viaggiatori che subiscono un ritardo causato da lavori di manutenzione ed ammodernamento sulla rete di Autostrade per l’Italia.

L’intero processo di richiesta ed erogazione del rimborso è gestito tramite l’app Free To X, sulla base di soglie di ritardo e delle relative quote di rimborso dei pedaggi ed è disponibile per privati, partite IVA ed aziende che pagano con dispositivi di telepedaggio, carte o contanti. Il rimborso viene riconosciuto automaticamente dall’app a tutti i clienti che hanno registrato al servizio la targa del proprio veicolo o il dispositivo di telepedaggio, per ritardi a partire da 10 minuti, dovuti ai lavori sulla rete di Autostrade per l’Italia. 

Dallo scorso 1° maggio è attivo il nuovo servizio “Cashback con targa”, valido sulla rete gestita da Autostrade per l’Italia e sviluppato dalla start-up del Gruppo ASPI Free To X. Il servizio rende più semplice e automatico il rimborso anche per gli utenti che pagano il pedaggio con carte o contanti, come già avviene per i clienti dotati di sistemi di telepedaggio: sarà sufficiente registrarsi sulla app Free To X, inserendo i propri dati personali e la targa del veicolo – che verrà verificata attraverso la banca dati della Motorizzazione Civile – per ricevere in automatico i rimborsi maturati a causa di ritardi dovuti a cantieri di manutenzione e ammodernamento sulla rete autostradale. 

Una volta registrati, l’app notificherà i rimborsi a cui si ha diritto e quindi non sarà necessario fare alcuna richiesta ulteriore. Il tutto grazie a un innovativo sistema di intelligenza artificiale e un complesso algoritmo di calcolo necessario per definire i rimborsi spettanti, oltre alle duemila telecamere che Autostrade per l’Italia ha installato in tutti i caselli di ingresso e d’uscita della propria rete.

Grazie al riconoscimento della targa, la ricevuta del viaggio (il cosiddetto scontrino) non sarà più necessaria per i viaggi sulla rete di Aspi, anche se è consigliabile comunque il suo ritiro al casello: conservarla come back-up potrà infatti essere utile nel caso di eventuale anomalia nella lettura della targa o, soprattutto, nel caso in cui il viaggio si svolga solo parzialmente sulla rete di Aspi, coinvolgendo cioè altre società concessionarie autostradali diverse da Autostrade per l’Italia, sulle cui reti il cashback non è attivo.

Per i viaggiatori pendolari o per le ditte di autotrasporto che sono quasi tutti dotati di Telepass o altri sistemi di telepedaggio, il servizio Cashback è già attivo in automatico dal 15 settembre 2021. Proprio in questi giorni migliaia di clienti già iscritti, stanno ricevendo tramite bonifico i rimborsi accumulati fino a marzo 2022.

Per chi volesse iscriversi adesso, basta scaricare la app Free To X e registrare il proprio apparato di bordo fotografando una fattura, dove è riportato il codice del dispositivo. Una volta registrati è la app stessa che in automatico propone i rimborsi che verranno calcolati retroattivamente di 4 mesi rispetto alla data di iscrizione.

I clienti autotrasportatori iscritti ai Consorzi invece, potranno aderire al servizio Cashback a partire dal mese di maggio grazie alla partnership con la società Telepass. Per loro è previsto il recupero di tutti i transiti rimborsabili retroattivamente a partire dal 15 settembre 2021, data di lancio del servizio Cashback su scala nazionale. 

Sulla app Free To X sono stati attivati ulteriori servizi che mirano a semplificare e migliorare l’esperienza di viaggio: il servizio “Previsione Ritardi per Lavori” che permette agli utenti di pianificare il viaggio con la stima dell’eventuale ritardo dovuto alla presenza di cantieri. La stima è disponibile ad intervalli di 30 minuti e fino a 7 giorni dopo l’orario in cui viene effettuata la richiesta di previsioni da parte del cliente.

La possibilità di saldare un rapporto di mancato pagamento del pedaggio: se durante il viaggio il cliente non ha potuto pagare, può farlo direttamente dall’app Free To X. Basta accedere alla sezione Servizi, scansionare la ricevuta di mancato pagamento ritirata al casello oppure la lettera di sollecito ricevuta per posta ed effettuare il saldo con carte di credito o prepagate. Il servizio è disponibile per i rapporti di mancato pagamento emessi da Autostrade per l’Italia, Raccordo Autostradale Valle d’Aosta, Tangenziale di Napoli e Società Autostrada Tirrenica

All’interno della sezione “Viaggio” dell’app, sono inoltre presenti ulteriori servizi utili, come le telecamere per il monitoraggio dei flussi di traffico; il calcolo del pedaggio standard; il posizionamento dei tutor attivi lungo la rete autostradale e una funzionalità per individuare i prezzi del carburante più conveniente, nelle diverse aree di servizio disponibili. 

Di seguito le 33 stazione di ricarica che sono attive (entro l’anno saranno 60):

Secchia Ovest (A1 Milano–Bologna)

Flaminia Est (A1 Firenze–Roma) 

San Zenone Ovest (A1 Milano–Bologna)

Conero Ovest (A14 Bologna–Ancona) 

Secchia Est (A1 Bologna-Milano) 

Giove Ovest (A1 Firenze-Roma)

Teano Ovest (A1 Roma-Napoli), 

Arda Ovest (A1 Milano-Bologna)

Brianza Nord (A4 Milano-Brescia)

Monferrato Est (A26 Genova-Gravellona) 

Monferrato Ovest (A26 Genova-Gravellona) 

Torre Cerrano Ovest (A14 Ancona–Pescara) 

Esino Est (A14 Bologna-Ancona) 

La Pioppa Est (A14 Bologna-Ancona)

La Pioppa Ovest (A14 Bologna-Ancona) 

Montefeltro Ovest (A14 Bologna-Ancona)

Canne della Battaglia Ovest (A14 Canosa–Taranto)            

Canne della Battaglia Est (A14 Canosa–Taranto)

San Zenone Est (A1 Milano–Bologna)

Po Est (A13 Bologna-Padova)

Po Ovest (A13 Bologna-Padova)

Brughiera Est (A8 Milano-Varese) 

Brughiera Ovest (A8 Milano-Varese) 

Irpinia Sud (A16 Napoli-Canosa)

Arno Ovest (A1 Firenze–Roma)

Brianza Sud (A4 Milano-Brescia)

Ilario Nord (A12 Genova–Rosignano) 

Irpinia Nord (A16 Napoli-Canosa)

San Nicola Est (A1 Napoli-Roma)

Aurelia Sud (A10 Genova-Savona)

Lario Ovest (A9 Milano–Como)

Torre Cerrano Est (A14 Ancona-Pescara)

Arno Est (A1 Firenze–Roma)

 

 

 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter