Copricapo d’autoreI cappelli sono i (nuovi) protagonisti delle fotografie di Alex Lambrechts

Il marchio SuperDuper ha lanciato una collaborazione con il celebre fotografo, artista e regista. In mezzo al deserto o in un caffè, all’alba o al tramonto, i copricapo a tesa larga somigliano ai personaggi di un racconto composto da capitoli diversi

ALEX LAMBRECHTS PICTURES SELECTION

La fotografia e la moda sono l’una il medium dell’altra. La moda non può prescindere dall’intervento della fotografia per “fermare” in immagini ciò che la moda ha vivacemente e disordinatamente messo in moto. E la fotografia non è mai assente di moda, intesa nel suo significato più ampio: qualsiasi scatto ci parla della storia e della porzione di sguardo di chi sta dall’altra parte, perciò abbonda di dettagli stilistici e del senso estetico di ciò che è raffigurato. Nel caso della collaborazione tra SuperDuper e Alex Lambrechts il connubio è così rappresentativo da risultare un caso a sé.

Credits to Alex Lambrechts Pictures Selection

Nato in Uruguay ma cresciuto in Australia, Alex Lambrechts ha un volto d’altri tempi: intenso, scavato, terreno. Potrebbe tranquillamente fingere di appartenere a un’altra epoca, non fosse per i tatuaggi che gli corrono sulle dita e sulle braccia. Ha collaborato con numerosi marchi di moda tra cui Hermes e Tom Ford, scrive su riviste del calibro di British Vogue, GQ, Nylon, Elle, V, Rush ed è il direttore fotografico della rivista semestrale londinese Fashion & Interview THE FALL.

Viaggia e posa insieme alla moglie, l’artista Josephine Marfurt, che partecipa spesso alle sue campagne come espressione di una simbiosi eccentrica e iconica, imprescindibile per gli slanci creativi di entrambi. I lavori di Alex Lambrechts sono caratterizzati dalla grana dei colori, dalla vividezza delle forme, dal paesaggio che domina incontrastato alle spalle dei protagonisti delle scene: un lascito della sua carriera di regista, che contamina le sue opere fotografiche esattamente come queste ultime contaminano i suoi film. In questo caso, i protagonisti sono proprio i cappelli.

Credits to Alex Lambrechts Pictures Selection

La nuova collezione SuperDuper presenta cappelli a falde larghe, a metà strada tra il copricapo di un parigino a passeggio del secolo scorso e quello da cowboy. Alex Lambrechts li conduce all’interno di un pellegrinaggio che potrebbe essere il racconto per immagini di una storia di formazione: dalle distese aperte del Montana, alle valli del Ticino, alle acque di Capri ai vicoli e ai bar fumosi di Londra, sembra che siano i cappelli stessi a viaggiare, a spostarsi di luogo in luogo, di contesto in contesto, quasi cercassero loro stessi.

Credits to Alex Lambrechts Pictures Selection

Si chiamano Redscale, Wide Angle, Resolution, Highlight Diamond. Tranne l’ultimo, deliberatamente ispirato al look di Picasso o di Hemingway e che rimanda a panorami esotici, selvaggi, dove entrambi gli artisti erano soliti fuggire con qualche conquista, gli altri sono tutti realizzati con feltro di coniglio, morbidissimi al tatto. All’interno una fodera a strappo che rappresenta una delle foto di Supaman di Alex o altri scatti effettuati da lui con la tecnica del grandangolo o quella cosiddetta redscale, secondo la quale la pellicola viene esposta sul lato sbagliato.

Credits to Alex Lambrechts Pictures Selection

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter