Il negoziato giustoIl governo ucraino punta a un summit di pace a fine febbraio

In un’intervista all’Associated Press, il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba propone un vertice alle Nazioni Unite con il segretario Onu António Guterres come possibile mediatore. Ma solo se la Russia accetterà di essere perseguiti per i loro crimini di guerra

Unsplash

Se la Russia accetterà di essere perseguita per i suoi crimini di guerra da un tribunale internazionale, l’Ucraina proporrà di organizzare a fine febbraio un vertice di pace. In una intervista all’Associated Press, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba spiega che per Kyjiv questa è la precondizione essenziale per qualsiasi negoziato. In caso di assenso da parte di Mosca, il governo ucraino potrebbe proporre di fissare il summit nella sede delle Nazioni Unite a New York con il segretario generale dell’Onu António Guterres come possibile mediatore del negoziato

La portavoce Onu Florencia Soto Nino-Martinez ha risposto in modo diplomtico all’Associated Press affermando che Guterres «può mediare solo se tutte le parti lo desiderano».

Kuleba ha rivelato che il governo degli Stati Uniti sta elaborando un piano speciale per rendere operativa in meno di sei mesi la batteria missilistica Patriot promessa al presidente Zelensky nel suo viaggio a Washington.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter