Alternativa al bipopulismoAzione aderisce al Partito democratico europeo

L’annuncio arriva da Sandro Gozi, segretario generale del partito: «Insieme a Carlo Calenda e alle donne e agli uomini di Azione lavoreremo alla costruzione di una forza centrale, democratica, liberale, riformatrice e federalista europea»

Pixabay

«Siamo felici di dare il benvenuto ad Azione nel Partito democratico europeo». L’annuncio arriva da Sandro Gozi, segretario generale del partito. «La grande famiglia dei Democratici europei cresce sempre di più e si rafforza in vista delle prossime elezioni europee. Insieme a Carlo Calenda e alle donne e agli uomini di Azione – con i quali già collaboravamo proficuamente in Europa all’interno di Renew Europe e in Italia attraverso l’alleanza con Italia Viva – lavoreremo alla costruzione di una forza centrale, democratica, liberale, riformatrice e federalista europea, alternativa al bipopulismo».

La prima grande sfida elettorale sarà quella delle elezioni Europee del 2024, la priorità dei Democratici europei, e del Terzo Polo italiano: «Alle Europee del 2024 ci giochiamo il futuro dell’Italia in Europa e quello dell’Europa nel mondo: noi Democratici europei con Renew e i nostri alleati liberali — conclude Gozi – saremo l’antidoto all’incompetenza populista di sinistra e alle chiusure dei nazionalisti di estrema destra».