Diagnosi tempestivaI test di controllo gratuiti di Amplifon per la giornata mondiale dell’udito 2023

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, oltre 1,5 miliardi di persone nel mondo soffrono di ipoacusia. Per questo il principale gruppo mondiale nel settore dei servizi e delle soluzioni per la cura dell’udito promuove una campagna di sensibilizzazione, offrendo test gratuiti nei propri centri specializzati

Unsplash

Il 60 per cento dei problemi di udito può essere diagnosticato in modo efficace e tempestivo nell’ambito dell’assistenza primaria. Lo rivela l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in occasione della Giornata Mondiale dell’Udito (World Hearing Day) 2023. Il tema di questa edizione della giornata è l’accessibilità delle cure dell’udito per tutti, partendo proprio da una maggiore sensibilizzazione alla diagnosi e cura dei disturbi uditivi.

Per sostenere l’impegno dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Amplifon, azienda leader mondiale nei servizi e nelle soluzioni per la cura dell’udito, promuove una campagna di sensibilizzazione, offrendo test dell’udito gratuiti nei propri centri specializzati.

Attualmente, nel mondo, oltre 1,5 miliardi di persone soffrono di calo uditivo (ipoacusia).  

Entro il 2050, si stima che possano diventare 2,5 miliardi. Numerosi studi mostrano la connessione tra perdita dell’udito e il rischio di sviluppare demenza in età avanzata: per tale ragione, una recente ricerca di Alzheimer Research UK, suggerisce di effettuare i primi test dell’udito tra i 30 e i 40 anni, di indossare apparecchi acustici in caso di ipoacusia e di proteggere il proprio udito dall’inquinamento acustico.

Inoltre, dai dati EuroTrak 2022 emerge che, in media, una persona impiega dai 2 ai 3 anni per decidere di adottare un dispositivo acustico e, nella maggior parte dei casi, si rammarica di non averlo fatto prima: l’uso del dispositivo ha migliorato la qualità della vita (97 per cento), la sua vita sociale (77 per cento) oppure garantisce una migliore salute mentale ed emotiva (53 per cento).

«Il tema scelto per il World Hearing Day 2023 conferma come l’educazione e la sensibilizzazione ai problemi di udito rappresentino sempre più una priorità. La stigmatizzazione e la necessità di una corretta informazione determinano, ancora oggi, una forte barriera all’accesso alla cura dell’udito, che peraltro rappresenta anche un buon investimento: l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, afferma che in Europa, per ogni euro investito nella cura dell’udito, è atteso in media un ritorno di oltre 30 euro per la società nel suo complesso. Un intervento tempestivo e appropriato può garantire alle persone che soffrono di ipoacusia e di altri distrurbi uditivi la possibilità di raggiungere il loro pieno potenziale», afferma Mark Laureyns, Presidente dell’Associazione Europea Audioprotesisti e Direttore del Centro Ricerche e Studi Internazionale di Amplifon.

All’interno del suo Piano di Sostenibilità Listening Ahead, Amplifon si impegna ad accrescere la consapevolezza e l’accessibilità della cura dell’udito, offrendo test dell’udito gratuiti e generando così un risparmio per gli utenti di oltre 200 milioni di euro a livello globale nel 2023.

Nell’ambito delle proprie attività di sensibilizzazione verso i più giovani tramite l’iniziativa di ascolto responsabile Listen Responsibly, in occasione della Giornata Mondiale dell’Udito, Amplifon ha lanciato un canale globale su TikTok per spiegare in modo semplice l’importanza della prevenzione uditiva a ogni età e la necessità di contrastare lo stigma, oltre che per presentare la figura professionale dell’audioprotesista, il tecnico specializzato che aiuta le persone a scegliere la migliore soluzione uditiva per tornare a riscoprire l’emozione dei suoni.

Inoltre, nell’ambito delle proprie iniziative di sensibilizzazione, Amplifon si è fatta promotrice, al fianco di Udito Italia onlus, dell’organizzazione dell’edizione italiana della Maratona dell’Udito presso il Ministero della Salute, volta a diffondere i messaggi di prevenzione e importanza di accessibilità alle cure proposti dall’OMS. Infine, nella giornata del 2 marzo ha effettuato test dell’udito gratuiti tramite una nuova tecnologia proprietaria basata su iPad (OtoPad) presso il Campus dell’Università Bocconi di Milano.

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter