Competizione globaleL’Ue dovrebbe esplorare partenariati per le terre rare con i Paesi del Sud del mondo

Tra i possibili fornitori di materie prime ci sono Cile, Australia e Sudafrica, anche Norvegia e Svezia potrebbero avere giacimenti. Più che sussidi, secondo gli esperti del Centres for European Policy Network (Cep), vanno date prospettive di crescita economica

Container nel porto di Anversa
Foto di Paul Teysen su Unsplash

Terre rare, energie rinnovabili, ma anche conoscenza. Nella competizione globale per la sicurezza delle catene di approvvigionamento, le materie prime critiche sono sempre più al centro dell’attenzione. Il think tank Centres for European Policy Network (Cep) raccomanda all’Unione europea partenariati strategici con Paesi terzi ricchi di risorse. Sussidi, sul modello dell’Ira americana, distorcerebbero, invece, solo il commercio globale.

«Il prerequisito cruciale per il successo a lungo termine dei partenariati strategici è che l’Europa faccia un’offerta di crescita attraente ai futuri partner», afferma l’economista del Cep André Wolf, che ha analizzato per la prima volta le possibili strategie di partenariato. Secondo Wolf, l’Europa deve dare ai Paesi terzi la possibilità di espandere il proprio contributo alla creazione di valore nel medio termine, dalle materie prime ai prodotti industriali finiti.

In questo modo, anche il rapporto con i Paesi del Sud del mondo potrebbe essere ricalibrato. L’esperto del Cep invita Bruxelles a definire in modo più ampio il termine di «materie prime critiche». Ad esempio, non si tratta solo di risorse minerarie come il litio o il cobalto, ma anche di conoscenze umane e di potenziale innovativo, elementi importanti per la futura vitalità dell’Europa.

A questo scopo, ha detto, sono disponibili partner diversi in aree diverse, come il Cile, l’Australia o il Sudafrica nel caso delle materie prime minerarie. Nel settore della conoscenza, Wolf vede possibili partner interessanti in Giappone, Corea del Sud o Singapore.

In questi giorni, la Commissione presenta un progetto di normativa sulle materie prime critiche. Si prevede che definisca obiettivi concreti per l’approvvigionamento di materie prime critiche da fonti nazionali ed europee. Di recente, sono stati segnalati possibili giacimenti di terre rare in Norvegia e Svezia.

Continua a leggere sul sito del Cep consultando il report.

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter