Restyling PnrrIl governo pensa a una proroga dei progetti sugli asili nido o al taglio dei posti

Previsto un target di 264mila nuovi ingressi tra nidi e scuole dell’infanzia in oltre 2mila comuni. A Palazzo Chigi sono quasi certi che gli enti locali non riusciranno ad aggiudicare tutti i lavori entro giugno, come da cronoprogramma concordato con l’Europa. Nominato il giudice contabile Carlo Alberto Manfredi Selvaggi al vertice della task force di Fitto

Unsplash

In attesa che la Commissione europea comunichi lo sblocco della terza rata del Piano nazionale di ripresa e resilienza da 19 miliardi legata agli obiettivi del secondo semestre del 2022, il governo Meloni ha una urgenza: i 27 milestone e target in scadenza a fine giugno. E il filone più delicato – come racconta anche Il Sole 24 Ore – è quello dei servizi per l’infanzia: si prevedono 2.190 nuove strutture tra asili nido e scuole materne che dovrebbero garantire 264mila nuovi posti in oltre 2mila comuni con un finanziamento da 4,6 miliardi.

A Palazzo Chigi, però, sono quasi certi che gli enti locali non riusciranno ad aggiudicare tutti i lavori entro giugno, come da cronoprogramma concordato con la Ue. Per rimediare, le opzioni sul tavolo sono due: un rinvio del termine a fine settembre oppure una riduzione dei posti da creare. La prima soluzione incontrerebbe anche il favore dei sindaci, che hanno detto di non essere disposti a rinunciare a un finanziamento cruciale. Anche perché una rimodulazione al ribasso dei posti non sarebbe compatibile con l’impegno per la natalità professato dal governo.

A gestire la riscrittura del Pnrr, con l’aggiunta del capitolo del RepowerEu e il possibile inserimento dei fondi di coesione 2021-2027, sarà la nuova struttura di missione istituita a Palazzo Chigi dal decreto legge Pnrr-ter. Ieri il ministro per gli Affari comunitari Raffaele Fitto ha nominato il magistrato della Corte dei Conti Carlo Alberto Manfredi Selvaggi al vertice di questo organismo, che conterà su 14 dirigenti e 50 dipendenti per quattro uffici dedicati alle diverse missioni. La nomina è arrivata nel primo giorno della visita a Roma dei magistrati contabili europei. Ieri sono stati al Tesoro, oggi è il turno del ministero delle Infrastrutture di Salvini e domani sono attesi al dicastero dell’Ambiente di Pichetto Fratin.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club