Palla al piedeIl presidente della Federcalcio spagnola Luis Rubiales dice che non si dimetterà

Il quarantaseienne dirigente è al centro delle polemiche per il bacio non consensuale dato alla calciatrice Hermoso durante la celebrazione per la vittoria del Mondiale femminile

LaPresse

Dopo aver comunicato le sue dimissioni in forma privata ai suoi collaboratori, Luis Rubiales ha poi cambiato idea: dalle ultime informazioni, pare che Rubiales abbia deciso di rimanere al suo posto. Negli ultimi giorni ci sono state polemiche crescenti per la sua condotta durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa del Mondo femminile.

La FIFA ha aperto un fascicolo disciplinare a causa del bacio non consensuale che Rubiales ha dato alla calciatrice Jennifer Hermoso. Un comportamento giudicato in violazione degli articoli del Codice disciplinare della FIFA, che riguardano il rispetto e il fair play. Rubiales era stato contestato in passato anche per alcune decisioni sportive discutibili, come il licenziamento di Julen Lopetegui come ct della nazionale maschile spagnola il giorno dopo il debutto ai mondiali in Russia del 2018. I magistrati spagnoli stanno indagando anche su una festa in una villa di lusso a Salobreña (Granada), secondo l’accusa pagata con soldi federali.

Durante il suo mandato di cinque anni, Rubiales ha ottenuto alcuni successi di rilievo. La Spagna è la grande favorita per ospitare il Mondiale del 2030 congiuntamente con Marocco e Portogallo, e la federazione ha registrato una crescita economica superiore ai trecento milioni di euro sotto la sua gestione. Con la partenza di Rubiales, si apre la lotta per la successione. Secondo lo statuto della federazione il Consiglio di Amministrazione diventerà un Comitato di Gestione presieduto dal vicepresidente più anziano. Poi sarà indetta l’elezione per stabilire il successore nel 2024. Tra i possibili candidati ci sono Salvador Gomar, Pablo Lozano e lo storico portiere del Real Madrid Iker Casillas.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter