Festa in SloveniaTre stelle Michelin per Ana Roš, è storia per la cucina slovena

È arrivata pochi minuti fa la notizia di questo grande traguardo che ricolloca la Slovenia al centro delle destinazioni gastronomiche europee

Courtesy Suzan Gabrijan

Il massimo riconoscimento della più prestigiosa guida al mondo, le tre stelle Michelin, arriva nella giornata di oggi 19 settembre 2023 a Caporetto, appena passato il confine italiano, a premiare Ana Roš e tutto l’incredibile team del ristorante Hiša Franko.

«Il sogno della famiglia Hiša Franko, si è appena avverato. Una squadra giovane che lavora duramente giorno dopo giorno, anno dopo anno. Ci troviamo in un villaggio conosciuto da pochi e siamo grati a ogni anima che viene a godersi le nostre meravigliose creazioni, specialmente d’inverno, quando tutti i camini sono accesi e il ristorante è davvero magico. La cosa più importante per noi è che gli ospiti di Hiša Franko siano soddisfatti. Possiamo fare di meglio? Sempre». Ana Roš sorride colma di gioia nel brindare abbracciata con tutti i suoi ragazzi. Una famiglia nella famiglia, una storia che fonde lavoro, professionalità e affetto, per un progetto culturale ancora prima che gastronomico, unico al mondo.

Courtesy Suzan Gabrijan

Una locanda sulla strada, con poche e riservate camere, e una cucina d’autore che esprime tutto l’animo «funky e rock ‘n roll» della Slovenia occidentale. Sono passati solo tre anni da quando l’edizione slovena della Rossa premiò l’insegna con due stelle e oggi conferma il percorso intrapreso negli anni con il terzo e ultimo Macaron. «Il riconoscimento della nostra creatività, innovazione e dedizione alla creazione culinaria ci conferma che abbiamo scelto la strada giusta».

Eravamo stati a trovarli un anno fa, soggiornando la notte e provando così un’esperienza completa, dalla cena con più di quindici portate fino alla colazione. L’atmosfera di questo luogo è elegante, avvolta di calore e di accoglienza ma quello che ci aveva stupito più di tutto era la verità, concreta, di ogni azione. Ora questa verità, quest’esigenza di racconto e valorizzazione della propria terra attraverso la cucina di un’autoditatta fuori da ogni schema quale Ana Roš è stata finalmente premiata nel migliore dei modi.

Buon lavoro a tutta la squadra!

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter