La volpe e l’uvaL’indipendenza di Gentiloni e la frustrazione politica del governo Meloni

L’improvviso attacco da parte della presidente del Consiglio e dei suoi alleati Salvini e Tajani al Commissario Ue italiano è causato dalla consapevolezza di non poter rovesciare alle prossime elezioni europee la grande coalizione di socialisti, verdi e popolari a Bruxelles

Unsplash

Con qualche rara eccezione (i commissari ungherese Oliver Varhelyi, sloveno Janez Lenarcic e francese Thierry Breton), l’origine dei membri della Commissione europea è politica prima che nazionale e l’insieme di quello che viene chiamato collegio rappresenta una coalizione politica a cui appartengono tutti i gruppi o parti di gruppi nel Parlamento europeo che hanno dato vita nel novembre 2019 alla cosiddetta maggioranza Ursula che va dal conservatore polacco dell’ECR Januz Wojciechowski a nove socialisti e nove popolari passando per quattro liberali e anche per un verde (indipendente).

Fu la stessa presidente Ursula Von der Leyen del resto a definire la dimensione del suo collegio «geopolitica» nella logica europea che conduce alla nomina della Commissione europea attraverso la diarchia fra il Consiglio europeo – in rappresentanza dei governi – che sceglie il/la presidente della Commissione europea a maggioranza qualificata e il Parlamento europeo – in rappresentanza delle cittadine e dei cittadini che lo hanno eletto –  che lo/la elegge e dà la fiducia all’intera Commissione europea alla maggioranza dei membri.

Giorgia Meloni, Antonio Tajani e Matteo Salvini fanno finta di ignorare che la Commissione europea è composta certo attualmente da un commissario per paese ma che il Trattato di Lisbona precisa sia nell’articolo 17 TUE che «i membri della Commissione non sollecitano e non accettano istruzioni da nessun governo» sia nell’articolo 245 TFUE che «gli Stati membri rispettano la loro indipendenza e non cercano di influenzarli nell’esecuzione della loro missione».

Nella storia della Commissione europea ci sono stati alcuni momenti in cui capi di Stato o di governo hanno manifestato irritazione per il fatto che un commissario non «aveva avuto un occhio di riguardo» (l’espressione è di Giorgia Meloni) per il proprio paese di origine ma nessuno è arrivato fino al punto di affermare – come ha fatto la stessa Giorgia Meloni spalleggiata da Matteo Salvini e anche da Antonio Tajani – che i membri della Commissione rappresentano a Bruxelles «gli interessi della Nazione».

Le dichiarazioni di Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Antonio Tajani devono essere lette non solo (per Giorgia Meloni e Matteo Salvini) come una conferma del loro orientamento irriducibilmente nazionalista ma soprattutto nella prospettiva della definizione degli equilibri politici dopo le elezioni europee nel giugno 2024 e delle nomine europee e internazionali che al risultato di quelle elezioni e di almeno sette elezioni nazionali saranno legate.

L’improvviso – anche se non inaspettato – «assedio» (come lo ha definito La Stampa) a Paolo Gentiloni dal trio governativo Meloni-Salvini-Tajani deve essere letto come il frutto della frustrazione tutta politica di chi vede sfumare progressivamente l’illusione di poter rovesciare il tavolo a Bruxelles rigettando all’opposizione socialisti e verdi e creando una coalizione PPE-ECR-Renew Europe nel Consiglio europeo, nel Parlamento europeo e nella Commissione europea.

Nelle ultime settimane la frustrazione è aumentata perché cinque relatori della commissione affari costituzionali del Parlamento europeo hanno approvato un progetto di riforma dell’Unione europea da cui hanno dovuto auto-escludersi i compagni di strada europea di Fratelli d’Italia e della Lega, i liberali europei hanno chiuso nel loro congresso a Vienna la porta in faccia all’ECR e la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola ha sottolineato la «diversità» europea dell’ECR mentre a Bruxelles emerge sempre di più l’ostilità verso la mancata ratifica italiana del MES e un orientamento sulla modifica del Patto di Stabilità ben lontano dai desiderata del governo Meloni.

Infine, e nonostante una grottesca analisi provinciale tutta italiana, la visione dell’Unione fiscale secondo un modello federale di Mario Draghi, disegnata nel suo articolo su The Economist e prima nella conferenza ad Harvard, è tutto fuorché un assist al governo Meloni confermando un profilo europeo che sarebbe perfetto per la successione di Charles Michel alla presidenza del Consiglio europeo alla fine del 2024

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter