La denuncia di PelosiDietro le proteste pro Palestina in America potrebbe esserci Mosca

L’ex speaker Democratica della Camera di Washington ha invitato l’Fbi a indagare su collegamenti e finanziamenti tra gli organizzatori delle proteste per il cessate il fuoco a Gaza e il regime di Putin

LaPresse

Secondo Nancy Pelosi ci sarebbe la regia della Russia dietro la serie di proteste negli Stati Uniti a favore del cessate il fuoco nella striscia di Gaza. L’ex Speaker della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha annunciato in una intervista alla Cnn di voler chiedere allFBI di indagare per trovare tracce di un possibile finanziamento diretto del Cremlino alle associazioni che coordinano le manifestazioni a New York, Los Angeles, Washington e altre città americane. «La richiesta di un cessate il fuoco è un messaggio del signor Putin, (questa richiesta, ndr) è direttamente collegata a ciò che lui vorrebbe vedere. Penso che alcuni finanziamenti siano collegati alla Russia, bisognerebbe indagare e voglio chiedere all’FBI di farlo», ha detto Pelosi alla Cnn.

Da oltre tre mesi le forze armate israeliane sta conducendo una operazione militare per eradicare definitivamente Hamas dalla Striscia di Gaza dopo che il gruppo terroristico palestinese ha compiuto il 7 ottobre un pogrom, uccidendo in Israele milleduecento persone tra civili e militari, rapendo altre duecentocinquanta.

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter