ConfermatoIl candidato di destra Marco Marsilio ha vinto le regionali in Abruzzo

Il governatore uscente ha ottenuto il 53,5 per cento delle preferenze contro il 46,5 per cento del suo sfidante Luciano D’Amico. Al centrosinistra non riesce il bis della Sardegna

(Foto Roberto Monaldo / LaPresse)

Il governatore uscente dell’Abruzzo Marco Marsilio, sostenuto dal centrodestra e molto vicino a Giorgia Meloni, resta alla guida della Regione per altri cinque anni. Qundo mancano meno di cento sezioni ancora da scrutinare, Marsilio è in testa alle elezioni regionali con il 53,5 per cento delle preferenze, contro il 46,5 per cento del suo sfidante Luciano D’Amico, sostenuto da Partito democratico, Movimento Cinque Stelle, Azione e Italia Viva.

Il partito che ha ottenuto il maggior numero di voti, stando ai dati del portale Eligendo, è Fratelli d’Italia (24 per cento), seguito dal Pd col 20 per cento. Terzo posto per Forza Italia che conquista il 13,2 per cento, mentre la Lega è ferma al 7,6 per cento. M5S al 7 per cento, dietro anche ad Abruzzo insieme (7,6 per cento).

L’affluenza alle urne è stata al 52,2 per cento, la più bassa di sempre in Abruzzo e in ulteriore lieve calo rispetto al 52,87 per cento del 2019.

Nella notte tra domenica e lunedì, Marsilio ha già commentato i risultati in un breve discorso tenuto nella sede del suo comitato elettorale, a Pescara: «Mai negli ultimi trent’anni un presidente era stato riconfermato: è stata scritta una pagina di storia e abbattuto un altro muro. Abbiamo chiesto altri cinque anni per continuare a crescere per completare un’opera di rilancio, ricostruzione e valorizzazione che stiamo mettendo in campo».

Luciano D’Amico, ex rettore dell’Università di Teramo, ha invece fatto sapere che commenterà i risultati in una conferenza stampa lunedì mattina alle 11.

 

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club