Aperta un’indagineSette operatori umanitari della ong World Central Kitchen sono stati uccisi a Gaza

L’organizzazione ha sospeso la distribuzione di cibo nella Striscia. Il fondatore José Andrés ha detto che l’attacco aereo sarebbe stato compiuto dall’esercito israeliano, che però non ha confermato

(Unsplash)

Almeno sette persone persone che lavoravano per la organizzazione non governativa americana World Central Kitchen dello chef José Andres sono state uccise in un raid aereo nella Striscia di Gaza. Lo ha annunciato lo stesso José Andres su X, spiegando che le vittime «provenivano da Australia, Polonia, Regno Unito, un cittadino con doppia nazionalità americana e canadese e un palestinese».

Andrés ha detto che l’attacco sarebbe stato compiuto dall’esercito israeliano, che però non ha confermato e ha fatto sapere di aver avviato «un’indagine approfondita» per determinarne l’origine. «In seguito alle notizie riguardanti il personale della World Central Kitchen a Gaza, l’Idf sta conducendo un esame approfondito ai massimi livelli per comprendere le circostanze di questo tragico incidente», ha spiegato su Telegram l’esercito israeliano. «L’Idf compie grandi sforzi per consentire la consegna sicura degli aiuti umanitari e lavora a stretto contatto con la WCK nei loro sforzi vitali per fornire cibo e aiuti umanitari alla popolazione di Gaza», prosegue il comunicato.

In precedenza, il ministero della Sanità di Hamas aveva annunciato la morte di quattro operatori umanitari stranieri e del loro autista palestinese in seguito ad un attacco israeliano contro il loro veicolo nel centro della Striscia di Gaza.

La squadra della ong stava lasciando un magazzino nel centro di Gaza a bordo di due auto blindate dopo aver scaricato gli aiuti alimentari umanitari. L’ong ha spiegato che il convoglio è stato colpito nonostante avesse coordinato i movimenti con l’esercito israeliano.

Erin Gore, amministratore delegato della ong, ha dichiarato in un comunicato che gli operatori del gruppo sono stati uccisi in «un attacco mirato» da parte dell’esercito israeliano. Le riprese video – spiega il New York Times – hanno mostrato diversi corpi, alcuni dei quali indossavano indumenti protettivi con toppe visibili della World Central Kitchen. Le auto erano inoltre contrassegnate con il logo del gruppo, ha affermato l’organizzazione nella nota.

La Casa Bianca si è detta «afflitta» per la morte degli operatori umanitari. «Siamo afflitti e profondamente turbati dall’attacco», ha scritto su X la portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, Adrienne Watson, aggiungendo che «gli operatori umanitari devono essere protetti mentre consegnano aiuti di cui c’è un disperato bisogno, ed esortiamo Israele a indagare rapidamente sull’accaduto».

L’organizzazione World Central Kitchen ha sede negli Stati Uniti, fondata dal famoso cuoco ispano-statunitense José Andrés, si occupa principalmente di fornire assistenza alimentare in posti colpiti da disastri naturali. Nelle scorse settimane, ha fornito il cibo consegnato dalle navi del “corridoio marittimo” di aiuti umanitari per Gaza. L’organizzazione ha fatto sapere ora di aver sospeso le operazioni nella Striscia.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club