Sostegno militareBlinken in visita a sorpresa in Ucraina nel pieno dell’offensiva russa

Il segretario di Stato americano è arrivato a Kyjiv, dove vedrà il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, mentre la Russia ha lanciato un forte attacco contro Kharkiv. L’obiettivo è «consentire loro di riprendere sempre più l’iniziativa sul campo di battaglia». L’artiglieria, i missili a lungo raggio Atacms e gli scudi della difesa aerea approvati in ritardo il 24 aprile stanno già raggiungendo le forze ucraine

(La Presse)

Il segretario di Stato americano Antony Blinken è arrivato a sorpresa martedì 14 maggio a Kyjiv, per la prima visita in Ucraina di un alto funzionario americano da quando il Congresso degli Stati Uniti ha approvato il mese scorso, dopo un lungo dibattito, un pacchetto di aiuti militari da 61 miliardi di dollari per il Paese.

Il viaggio, di cui non si era data notizia in anticipo, mira a mostrare la solidarietà degli Stati Uniti nei confronti dell’Ucraina mentre lotta per respingere i pesanti bombardamenti russi sul confine nord-orientale. Arrivato a Kyjiv in treno martedì mattina presto, Blinken intende «dare un forte segnale di rassicurazione agli ucraini che si trovano ovviamente in un momento molto difficile», ha detto un funzionario statunitense. «La missione del Segretario qui è in realtà quella di discutere di come verrà eseguita la nostra assistenza supplementare in modo da contribuire a rafforzare le loro difese e consentire loro di riprendere sempre più l’iniziativa sul campo di battaglia».

L’artiglieria, i missili a lungo raggio Atacms e gli scudi della difesa aerea approvati, in ritardo, dal presidente Joe Biden il 24 aprile stavano già raggiungendo le forze ucraine, ha detto il funzionario. Blinken rassicurerà i funzionari ucraini, incluso il presidente Volodymyr Zelenskiy, sul duraturo sostegno degli Stati Uniti e pronuncerà un discorso incentrato sul futuro dell’Ucraina.

Kyjiv è rimasta indietro sul campo di battaglia per mesi mentre le truppe russe avanzavano lentamente, principalmente nella regione di Donetsk a sud, approfittando della carenza di truppe e di proiettili di artiglieria dell’Ucraina. Le forze russe detengono un vantaggio significativo in termini di risorse umane e munizioni.

Il 12 maggio, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha detto che Washington sta cercando di accelerare «il ritmo delle consegne» di armi all’Ucraina per aiutarla a invertire il suo svantaggio. «Il ritardo ha messo l’Ucraina in un buco e stiamo cercando di aiutarli a uscire da quel buco il più rapidamente possibile», ha detto Sullivan, aggiungendo che questa settimana sarà annunciato un nuovo pacchetto di armi.

La Russia ora controlla circa il 18 per cento dell’Ucraina e sta guadagnando terreno dopo il fallimento della controffensiva di Kyjiv del 2023. Le truppe di Mosca sono entrate venerdì in Ucraina nei pressi della sua seconda città più grande, Kharkiv, aprendo un nuovo fronte nord-orientale in una guerra che da quasi due anni è stata combattuta in gran parte a est e a sud. L’avanzata potrebbe allontanare alcune delle forze di Kyjiv dall’est, dove la Russia sta avanzando.

«I russi stanno chiaramente gettando tutto ciò che hanno a est», ha detto il funzionario americano, che ha spiegato che le riforme economiche e politiche intraprese dall’Ucraina apriranno la strada all’adesione del Paese all’Unione europea e, infine, alla Nato.

Anche se è improbabile che la Nato ammetta l’Ucraina a breve, i singoli membri stanno raggiungendo accordi di sicurezza bilaterali con Kyjiv. I colloqui per un accordo Usa-Ucraina sono «nella fase finale» e si concluderanno prima del vertice Nato di luglio a Washington, ha detto il funzionario americano.

Il G7 ha firmato una dichiarazione congiunta al vertice Nato di Vilnius nel luglio dello scorso anno in cui si impegnava a stabilire «accordi di sicurezza a lungo termine» con l’Ucraina che sarebbero stati negoziati bilateralmente.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter