«Fino alla fine»Joe Biden sarà il candidato del Partito democratico alle elezioni del 5 novembre

Il presidente degli Stati Uniti ha confermato la sua partecipazione al voto dopo aver incontrato i governatori del Partito democratico: «Non me ne vado»

LaPresse

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato la sua decisione di rimanere in corsa per le elezioni presidenziali dopo diversi colloqui con il suo staff, con i deputati e con i ventiquattro governatori del Partito democratico. Alcuni esponenti del suo partito avevano suggerito un suo ritiro dopo la prestazione incerta durante il recente dibattito televisivo contro Donald Trump. «Non me ne vado. Sono in questa corsa fino alla fine» ha scritto Biden in un’email inviata ai sostenitori, sollecitandoli a contribuire finanziariamente per sconfiggere Trump nelle elezioni del 5 novembre.

Nonostante le critiche alla sua performance nel dibattito, Biden ha ricevuto il sostegno di alcuni politici chiave del partito democratico. I governatori di New York, Minnesota e Maryland hanno dichiarato pubblicamente il loro appoggio al presidente in un incontro coi giornalisti a Washington D.C. «Il presidente ci ha sempre sostenuto. Anche noi lo sosterremo» ha spiegato Wes Moore, il governatore del Maryland. Anche il governatore del Minnesota, Tim Walz, ha riconosciuto la cattiva prestazione di Biden durante il dibattito, ma ha ribadito la sua fiducia nella capacità del presidente di governare.

Tuttavia, secondo un sondaggio del New York Times e Siena College, Trump vincerebbe con il quarantanove per cento dei consensi, contro il quarantatré di Biden. Per questo motivo alcuni esponenti del Partito Democratico si sono esposti pubblicamente per chiedere a Biden di ritirarsi. Tra questi  il deputato dell’Arizona Raúl Grijalva e il deputato del Massachusetts Seth Moulton.

Le preoccupazioni sull’età e la lucidità mentale del presidente degli Stati Uniti sono aumentate dopo il dibattito con Trump, in cui Biden apparso confuso e ha avuto difficoltà a mantenere il filo del discorso. Il presidente ha attribuito queste difficoltà alla stanchezza dovuta a due viaggi internazionali e a un raffreddore.

Se la pressione su Biden dovesse aumentare, alcuni governatori democratici potrebbero emergere come alternative. Gretchen Whitmer, Gavin Newsom, J.B. Pritzker, Josh Shapiro e Andy Beshear sono già stati citati come potenziali candidati.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter