On airLa nuova stagione di Sky TG24, tra continuità e innovazione

L’emittente si conferma un punto di riferimento nel panorama del giornalismo nazionale grazie a un’informazione affidabile, aderente ai fatti e basata sui dati. A partire da ottobre ci saranno novità che andranno a confermare e arricchire l’offerta di contenuti basati su competenza, idee, ricerca, innovazione e tecnologia

Sky

«Proporremo a tutti gli editori televisivi un’alleanza per l’organizzazione di confronti tv tra i leader politici in occasione di ogni tornata elettorale». Lo ha detto il direttore di Sky TG24 Giuseppe De Bellis. «Ci mettiamo insieme intorno alla cornice delle regole dell’Agcom per avere due confronti organizzati di volta in volta da due broadcaster, coinvolgendo però anche tutti gli altri. Almeno evitiamo che ci sia l’alibi di dire “non sappiamo dove farlo” e avremo il moto di mettere la politica spalle al muro».

Da sempre Sky TG24 rappresenta un’informazione affidabile, aderente ai fatti e basata sui dati, oltre ad essere la casa del “Confronto” per definizione. E proprio per questo motivo propone, per il futuro, un rinnovamento nel modo di fare informazione sulla politica in vista delle elezioni. «Io farò una proposta ufficiale a tutti sperando di trovare consenso. Mi rivolgerò ai direttori delle testate Rai, Mediaset e La7».

Il Digital News Report 2024 dell’Istituto Reuters certifica Sky TG24 come punto di riferimento nel panorama giornalistico nazionale raggiungendo, nel gradimento per l’autorevolezza, anche le fasce più giovani. L’analisi annuale sulle potenzialità e i problemi dell’informazione mondiale, condotta in quarantasette Paesi e per la prima volta con ha un’edizione tutta italiana, conferma infatti il canale all news diretto da Giuseppe De Bellis, primo media televisivo d’informazione per affidabilità e al secondo posto (subito dopo Ansa e a pari merito con Sole 24Ore) nella classifica generale.

Nel report italiano viene inoltre approfondito l’aspetto della fiducia, aggiungendo l’analisi per età degli intervistati, in base alla quale l’attendibilità di Sky TG24 sale dal sessantanove per cento al settantacinque per cento nella fascia under 35 (tra i quindici e i trentaquattro anni) portandolo al primo posto. La testata ha, inoltre, il pubblico più giovane tra i canali all news con un’età media di cinquantasei anni. E nel corso dell’ultimo anno le videoviews sui suoi account social (X, Facebook, Instagram e TikTok) sono aumentate del cinquantadue per cento, mentre la followerbase, su tutte le piattaforme social, ha superato i sette milioni. Con questi numeri, Sky TG24 si distingue oggi per una presenza Digital e Social forte e differenziante ed è costantemente orientato all’innovazione sui new media, come ad esempio il podcast.

Sky TG24

Per la prossima stagione, da ottobre, il canale all news diretto da Giuseppe De Bellis presenta alcune novità che puntano a confermare e arricchire la sua natura più profonda, quella di un giornalismo che separa rigorosamente i fatti dalle opinioni, e che continua a puntare su competenza, idee, ricerca, innovazione e tecnologia.

A partire da “Materia grigia”, condotto da Fabio Vitale, il programma che metterà a confronto idee opposte sui principali temi d’attualità prevedendo il coinvolgimento di due ospiti autorevoli. Il format si basa su regole certe che hanno sempre contraddistinto il confronto politico organizzato da Sky TG24: tempo di parola, replica e controreplica, fact checking, domande uguali per tutti. Ad un campione del pubblico verrà poi chiesta la propria opinione sul dibattito a cui hanno appena assistito e quali delle idee esposte sono state le più convincenti.

Tra le novità in arrivo anche “Feedback” il nuovo format audience driven a cura di Alessandro Marenzi in cui sarà il pubblico, attraverso i sondaggi di Quorum YouTrend, a scegliere mensilmente il tema da approfondire nella rosa proposta dalla redazione. Dieci puntate con reportage, analisi in studio e l’interazione sui canali digitali di Sky TG24.

“Sky TG25” sarà invece il nuovo approfondimento curato e condotto da Alessio Viola, uno dei volti storici della testata, sarà in onda nel week end, con ospiti e reportage sulle notizie rimaste fuori dai radar durante la settimana, ma che meritano di essere portate all’attenzione del pubblico.

Fra le novità anche un accordo di collaborazione siglato da Sky con Pablo Trincia, autore televisivo, inviato, scrittore e fra i più apprezzati e seguiti podcaster italiani che lavorerà a storie di cronaca e non solo, con un attento e profondo lavoro d’inchiesta per riaccendere i riflettori su vicende capaci di toccare il cuore e parlare alla coscienza del pubblico, e che rivivranno, soprattutto, attraverso il suo riconosciuto talento di narratore sia nella forma del podcast sia in quella della docuserie.

L’obiettivo è quello di raggiungere e coinvolgere, con informazione di qualità, un pubblico sempre più ampio e interessato a nuovi modelli di fruizione, attraverso un linguaggio innovativo che porti lo spettatore – ascoltatore a vivere questi racconti in modo immersivo e a conoscerne tutte le sfaccettature e i protagonisti.

Dopo il successo di “Dove nessuno guarda – Il Caso Elisa Claps”, la serie podcast più ascoltata d’Italia e vincitrice di due premi agli Italian Podcast Awards (Il Pod) nelle categorie “True Crime” e “Sound design” e i riconoscimenti del pubblico (al primo posto nella classifica italiana di Spotify per tre settimane consecutive) e della critica per l’ultimo lavoro “Sangue loro – Il ragazzo mandato ad uccidere”, arriva la nuova inchiesta-reportage originale “E poi il silenzio – Il disastro di Rigopiano” prodotta da Sky Italia e Sky TG24, e realizzata da Chora Media. Sarà composta da un podcast in otto puntate disponibili da fine settembre, e da una docuserie in cinque puntate in onda da metà novembre, che racconterà la terribile tragedia dell’Hotel Rigopiano avvenuta nel gennaio del 2017. Attraverso il podcast prima e una docuserie poi, quest’ultima disponibile su Sky TG24 e anche su Sky Documentaries, verranno ripercorsi in un continuum narrativo fra le due declinazioni, audio e video, gli errori e le approssimazioni del sistema amministrativo e politico, in cui anche piccole decisioni possono generare conseguenze terribili. E lo farà attraverso le voci dei sopravvissuti, dei testimoni e dei parenti delle vittime, affiancando all’inchiesta un grande racconto corale che restituirà la memoria di chi non c’è più, cercando, inoltre, di capire, se quanto avvenuto sia stato solo colpa della valanga. Allo studio, sempre a cura di Pablo Trincia, anche un nuovo cold case, una produzione originale che riporterà all’attenzione del pubblico e dei media uno tra i più noti e irrisolti casi di cronaca del nostro Paese.

Anche la politica americana sarà un appuntamento costante nel palinsesto dei prossimi mesi, grazie anche alla corrispondenza di Federico Leoni e all’inviato Marco Congiu. La corsa alla Casa Bianca dei due candidati Joe Biden e Donald Trump sarà scandita quotidianamente da Usa 2024 un ciclo di approfondimenti, servizi, interviste e inchieste, fino al 5 novembre giorno del voto. Ma che proseguiranno nei mesi successivi per analizzare l’esito di un voto importantissimo che potrà cambiare ancora una volta i rapporti di forza internazionali.

La nuova stagione vedrà anche alcune novità nella programmazione quotidiana. La conduzione di TG Buongiorno sarà affidata a Roberto Tallei, per l’edizione del TG delle 13.00 si alterneranno invece Tonia Cartolano e Stefania Pinna. La fascia pomeridiana vedrà poi Monica Peruzzi alla conduzione di Timeline, con un nuovo format durante la prima ora, dalle 15.00 alle 16.00, punterà i riflettori sui temi di attualità e l’ultima mezz’ora, dalle 16.00 alle 16.30, sarà invece dedicata agli approfondimenti. Alla conduzione dell’edizione del tg delle 20.00, Luigi Casillo.

Fra le iniziative che hanno contrassegnato la capacità del canale all news di innovare e mettersi in ascolto dell’opinione pubblica, c’è sicuramente “Sky TG24 Live In”, il format itinerante che, insieme a “Sky TG24 Live Off”, sta portando negli ultimi anni il dibattito pubblico sul territorio.

Giunto alla sua dodicesima edizione, ha ospitato ad oggi oltre 320 personalità nazionali e internazionali del mondo politico, istituzionale, economico, della cultura e dell’arte fino a quello sportivo. E accolto in totale, fra il pubblico, oltre 2500 persone in presenza, compresi moltissimi studenti delle scuole medie superiori, alle singole tappe dell’evento. Il prossimo appuntamento è previsto a Roma a ottobre nelle suggestive Corsie Sistine di Santo Spirito in Sassia. In quello che è considerato il più grande e antico ospedale d’Europa, riaperto al pubblico due anni fa dopo un lungo restauro, per l’occasione e per l’intera giornata si trasferiranno gli studi della testata che ospiterà una serie di appuntamenti pensati per ragionare sugli strumenti necessari ad affrontare i mutamenti geopolitici, economici, sociali, ambientali e culturali che, ridisegnando i modelli di società, sono ormai le priorità dell’agenda internazionale.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter