Camillo di Christian RoccaUn altro formidabile genio

Che palle! S’avanza un altro formidabile genio della letteratura americana. Il primo fu Dave Eggers un paio d’anni fa. Scrisse un libro fantastico, <L’opera struggente di un formidabile genio>, e inaugurò il filone dei giovani scrittori-adulati-come-rockstar. Il 2002 è stato l’anno di Jonathan Safran Foer, autore di <Ogni cosa è illuminata>. Ora tocca a James Frey, anni 33, ex tossico di ogni possibile sostanza chimica e alcolica. Il suo libro, "A million little piece", esce in America ad aprile ma i giornali lo hanno già etichettato: è lui il nuovo formidabile genio. Frey è certo di sé, e del suo libro di memorie dal centro di riabilitazione nel quale entrò dieci anni fa. Scrittura svelta, nessuna autocommiserazione, linguaggio pretenzioso, autoreferenziale, ma con un ritmo mozzafiato. E’ il "Guerra e Pace della dipendenza dalle droghe", dice chi ha letto le bozze. Secondo altri, Frey è il nuovo Ian McEwan. Poi, ovvio, c’è il paragone con Eggers e Safran Foer. Due tipi che Frey non sopporta: "Il libro di Eggers è mediocre e non me ne frega un cazzo di quello che fa Jonathan Safran-sai-il-cazzo-come si chiama. Usano trucchetti e motti di spirito per dimostrare di essere intelligenti, divertenti e così stronzi. Non me ne frega un cazzo di che cosa fanno loro. Io racconto in modo diverso. Non voglio essere divertente. Spero di spazzare via tutta questa merda".

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter