Camillo di Christian RoccaTre saggi di tre donne americane

ANN COULTER

Treason, 356 pagine, Crown Forum
Ann Coulter e i suoi tacchi a spillo furono licenziati dalla National Review, rivista iper conservatrice americana, perché subito dopo l’11 settembre la ragazza con gli stiletto aveva suggerito a Bush di dichiarare guerra ai musulmani, "invadere i loro paesi, uccidere i loro leader e convertire i loro popoli". Il tipetto è questo. E’ alta, bionda, magra, molto bella. E pesta chiunque si trovi di fronte. Ha la battuta prontissima e fa molta paura. Anche Oriana Fallaci si spaventerebbe. L’anno scorso fece un libro che diventò un best seller nazionale. Si intitolava Slander e prendeva in giro i vizi della sinistra americana e i pregiudizi liberal dei mass media. Quando un tabloid newyorchese scoprì che Coulter usciva con un ragazzo musulmano, lei rispose: "Embè, non è mica di sinistra". Treason, che vuol dire "tradimento", è la continuazione di Slander. Il libro spiega come e perché la sinistra americana, dalla Guerra fredda alla guerra al terrorismo, abbia tradito gli Stati Uniti. Non potendo in questo caso invadere i loro paesi, Coulter li accusa di essere antiamericani, anzi peggio, di essere "come gli europei". E fa una storia, divertente e folle, degli ultimi cinquant’anni di politica americana. Il libro si conclude con un capitolo dal titolo "Why they hate us", "perché ci odiano", la domanda che dopo l’11 settembre tutti gli americani si sono posti. Ma Ann Coulter però è diversa. Quelli che "ci odiano", secondo lei, sono i liberal di sinistra. Alla fine del libro, trova la risposta: "La differenza fondamentale tra i liberal e i conservatori è questa: i conservatori credono che l’uomo sia stato creato a immagine di Dio; i liberal credono di essere Dio".

PEGGY NOONAN
A Heart, a Cross and a Flag ­ America today, 270 pagine, Wall Street Journal Books
Un cuore, una croce e una bandiera è come dire Dio, patria e famiglia. Un titolo che se lo eviti è meglio. Eppure questo libro di Peggy Noonan, la bravissima speech writer di Ronald Reagan, è lo scritto che meglio di ogni altro racconta che cosa hanno provato i newyorchesi nel preciso istante in cui hanno saputo dell’attacco alle Torri e nei giorni e nei mesi successivi. E’ una specie di diario settimanale, che la Noonan ha tenuto per le pagine online del Wall Street Journal. Ed è davvero difficile trovare qualcosa che spieghi con un linguaggio così chiaro, elegante e sereno il sentimento americano post 11 settembre. Noonan è una scrittrice dotata, conversa con i suoi lettori e non li sfianca con noiose analisi sociologiche. Racconta che cosa ha fatto quella mattina, e poi quelle successive. Con chi è andata a pranzo, la scuola del figlio, le cose che ha visto in tv eccetera. Eppure il suo libro è un libro politico. Spiega perché "siamo diventati guerrieri", e in fondo l’idea le piace. Almeno cerca di farsi piacere questo ritrovato senso di comunità che è venuto fuori dopo l’attacco a New York. E’ un libro che racconta lo spirito di una nazione, attraverso i dettagli della vita quotidiana. La parte più interessante è quella della religione. Peggy Noonan è molto religiosa, così come tutto il paese. Come dice Michael Ledeen, Khomeini se lo sognava un paese religioso come gli Stati Uniti. Però, a leggere Noonan, si capisce che il senso religioso dell’America non è semplice bacchettonismo, come siamo portati a credere in Europa.

JEAN BETHKE ELSHTAIN
Just War Against Terror, 229 pagine Basic Books
Jean Bethke Elshtain è la risposta di destra a Paul Berman, l’intellettuale di sinistra che con Terror and Liberalism ha spiegato ai suoi come la guerra al terrorismo fondamentalista sia la continuazione delle guerre contro i totalitarismi del Novecento. La scrittice di origini tedesche, che è professoressa di etica all’Università di Chicago, spiega la stessa cosa da destra, con un taglio cristiano che un po’ preoccupa lo stesso Berman, autore della recensione del libro sulla New York Times Book Review.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter