Camillo di Christian RoccaRedazionalmente Corretto del 14 agosto 2003

La
prima pagina di Repubblica (Rep.) di ieri, 13 agosto 2003, avrebbe
potuto aprirsi con "Il caldo uccide, paura nelle città",
ma non è successo. E ha fatto bene. Quello era il titolo
del Corriere, giornale repubblicano-ma-non-republicones che pur
avendo ormai soffiato a Rep. il ruolo di guida civile del paese
(oltre a Magdi Allam) ogni tanto deve soddisfare la sua vena
nazional popolare e quindi continuare a titolare sul caldo d’agosto
(ma ha le foto di un piroomane in azione). Rep., nel Mese II
della Nuova Era Gregaria, si apriva con un altro titolo: "Israele,
tornano i kamikaze".
Facciamo così, elenchiamo le altre cose buone comparse
sul numero di ieri, perché poi c’è da concentrarsi
su due presunte scorrettezze dei republicones. Dunque, le cose
buone: 1) complete ed equibrate le cronache da Tel Aviv; 2) finalmente
compare un commento di Thomas Friedman, anche se in contrasto
con la linea di Rep. sull’Iraq; 3) ottima idea il racconto di
Jonathan Franzen che, per quanto sopravvalutato, è pur
sempre uno degli eroi della letteratura contemporanea. Fine.
E ora leggete bene.
Cominciamo dalla meno grave delle due clamorose repubbliconate
di ieri. A pagina 19 Rep. titola così: "Caso Kelly,
la Bbc accusa Blair: avete gonfiato il pericolo Iraq". E’
questa la notizia? E’ successo questo martedì a Londra?
Assolutamente no, è successo il contrario. Titolo del
Times di prima pagina: "La Bbc ammette che lo scoop sull’Iraq
era imperfetto". Rileggete ora il titolo di Rep, "Caso
Kelly, la Bbc accusa Blair: avete gonfiato il pericolo Iraq",
e poi quello del Times, "La Bbc ammette che lo scoop sull’Iraq
era imperfetto". Il contrario. Ok, il Times, che è
il Times, cioè il più autorevole giornale inglese,
è di proprietà di Murdoch, e quindi concorrente
della Bbc. Allora prendiamo il Guardian, bibbia del leftism d’Albione.
Due titoli di prima pagina. Il primo: "Una seconda giornalista
(della Bbc) ha giudicato le accuse di Kelly sul dossier manipolato
come una digressione pettegola". Il secondo: "Una prova
rivela che i vertici e i dirigenti della Bbc avevano dubbi nonostante
il consenso popolare per la storia". E ora rileggete Rep.:
"Caso Kelly, la Bbc accusa Blair: avete gonfiato il pericolo
Iraq". Meno male che per i lettori italiani c’è il
Corriere, il cui titolo è: "Dossier Iraq, la Bbc
ammette errori". L’opposto di Rep. Lo stesso autore dello
scoop, Andrew Gilligan, che per Rep. "non ha perduto a causa
del caldo afoso di Londra la sua aggressività", secondo
i giornali di tutto il mondo ha detto che le sue corrispondenze
"non erano perfette". Secondo una mail privata scritta
dal capo di Gilligan, quei servizi della Bbc contro Blair erano
"un buon pezzo di giornalismo rovinato da un racconto imperfetto"
e che "l’uso approssimativo del suo linguaggio è
la nostra più grande palla al piede". Non solo. Il
giornalista della Bbc ha anche raccontato che il dottor Kelly
non gli ha mai detto che il governo si era inventato il pericolo
di Saddam, ma che il particolare di un possibile attacco iracheno
in 45 minuti si basava su un’unica fonte e non su due come tutte
le altre parti del dossier.
Rep. a pagina 15 ha uno scoop mondiale oppure una cialtronata
equivalente. Il colpo è un’intervista ad Arnold Schwarzenegger
scritta da Silvia Bizio da Los Angeles. Nessun giornale al mondo,
con l’eccezione dell’austriaco Kronen Zeitung, è riuscito
a intervistarlo in queste settimane. Tutti i media americani,
ed è motivo di polemica aizzata da una delle concorrenti
di Schwarzy, raccontano che a parte le due apparizioni tv su
Nbc e Cnn, Arnold ha deciso di non concedere interviste. Rep.
però pubblica un’intervista lunga un’intera pagina composta
da sette domande in neretto. A domanda di Bizio, Terminator risponde.
Trattasi di scoop? Possibile, e Red. Corr. sarebbe lieto di complimentarsi
se non ci fossero alcune cose che non tornano: 1) perché
uno scoop mondiale è stato confinato senza alcuna enfasi
a pagina 15? 2) Bizio scrive che Arnold ha parlato "a Norwalk,
un sobborgo di Los Angeles, quando la settimana scorsa ha presentato
la candidatura"; 3) le risposte somigliano alle cose che
Arnold ha detto in quella conferenza stampa e già riportate
su tutti i giornali (va da sé che nessuno s’è sognato
di far finta di averlo intervistato): 4) un grande grafico, di
corredo all’articolo, confronta Schwarzenegger e Reagan. Ed è
copiato integralmente e alla lettera da Time senza che i republicones
lo riconoscano. Scoop o giornalismo alle vongole? Valga il precedente
Lupis: se Rep. non risponde, preparate il sugo. (continua)