Camillo di Christian RoccaArchivio blog – Novembre 2003

Raccolta mensile del blog

Paolo Granzotto, Il Giornale, su Esportare l’America

Il Giornale, 30 novembre


Tranquilli, al ritorno finirà 1-5

30 novembre


John Potter, Elisa, Gramsci Bar, Stefano Bollani

Jazz e altro

Il Foglio, 29 novembre


Le scorie a Largo Fochetti

Il Foglio, 29 novembre


Pierluigi Battista su Esportare l’America

Articolo su Panorama.

28 novembre


Gli ammutinati di Largo Fochetti

Esclusivo. La protesta sindacale dei republicones che l’altro ieri hanno scioperato.

Il Foglio, 28 novembre


Avanti popolo alla riscossa

Maria Cafiero, sull’Avanti, recensisce Esportare l’America, il suo autore e Camillo in modo strabiliante (e commovente). 

28 novembre


Preso Filucchi

A poche ore da Juve-Inter, Massimo Moratti fa uno dei suoi straordinari colpi di mercato. Lo racconta Panorama, in edicola oggi. Attenzione, non è uno scherzo: dal primo dicembre Stefano Filucchi, funzionario di polizia ed ex collaboratore del capo della polizia Gianni De Gennaro, lascia la divisa e passa all’Inter. Per i nerazurri si occuperà di sicurezza. Quella sicurezza che, evidentemente, Brechet non ha ancora dato.

28 novembre


Bush a Baghdad

27 novembre


Koba il terribile

E’ uscito, finalmente, il libro di Martin Amis sui crimini dello stalinismo e sul fighettismo della sinistra occidentale. Se volete leggerlo cliccate qui (un mio articolo di un anno fa, quando il libro uscì in Inghilterra), se non volete leggerlo cliccate qui (un articolo di Luca Sofri di un anno fa in risposta al mio).

27 novembre


Dal 1961

Il Wall Street Journal pubblica ogni anno, nel giorno del ringraziamento questo editoriale sull’America, la più durevole società di uomini liberi che si governano da soli e senza re o dittatori. In questo modo siamo la meraviglia e il mistero del mondo”.

Andrew Sullivan, invece, ripubblica il suo articolo di ringraziamento all’America scritto sette anni fa.

27 novembre


Un eroe al giorno

Omar Calabrese pare si sia dimesso da italiano, ma non subito, “a lungo termine – ha precisato Calabrese – nel breve termine questo non è possibile perché uno deve anche campare, altrimenti la pensione poi non c’e”
Consigliata anche l’intervista all’Unità.

27 novembre


Il quotidiano di Largo Fochetti

Editoriale.

Il Foglio, 27 novembre


L’asse franco-tedesco non va più bene

Il Foglio, 27 novembre


Joshua Muravchik su Esportare l’America

26 novembre


Non si commenta Ballarò

26 novembre


A destra sono tutti ignorantoni

Il Foglio, 26 novembre


Caro Luca,

Noi di sinistra stiamo con il black power. E voi? In attesa che tu riesca ad elaborare una posizione terzista, ti consiglio di provare i migliori cornetti farciti alla crema dell’anno, li trovi alla pasticceria Sissy di Milano, in Piazza Risorgimento.

Re: no subject

Max, dicembre 2003


Il marito di Sharon Stone invia Sean Penn a Baghdad

E’ un’idea del direttore del San Francisco Chronicle: Sean Penn andrà in Iraq ma solo per raccontare scene di vita quotidiana: “Le sue idee politiche non mi interessano”.

25 novembre


Era una balla

Il pil americano non è cresciuto del 7,3 come era stato annunciato qualche settimana fa, ma dell’8,2. Il solito disastro di quell’incapace di Bush.

25 novembre


C’è uno messo peggio di me

25 novembre


10 dicembre, Iraq day

Manifestazione a Baghdad contro gli invasori terroristi arabi. I blogger iracheni chiedono di organizzare manifestazioni analoghe nelle città occidentali.

Il Foglio, 25 novembre


Per Bocca l’assoluzione di Andreotti non vale

Il Foglio, 25 novembre


Michael Novak su Esportare l’America

25 novembre


La Stampa su Esportare l’America

Recensione di Maurizio Molinari (grazie)

24 novembre


L’Unità su Esportare l’America

Articolo di Bruno Bongiovanni (non online). Camillo non ci ha capito nulla, probabilmente neanche Bongiovanni. Comunque grazie, davvero.

24 novembre


Il Pulitzer non revoca il premio a Walter Duranty

Nonostante l’indagine interna del New York Times. Qui tutta la storia.
Grazie a paferrobyday.

24 novembre


La cosiddetta resistenza irachena ha ucciso altri 18 iracheni

23 novembre


Origine ebraica, origine burina

La solita Rep.

Il Foglio, 22 novembre


Dedicato a Walter Veltroni

“I nostri armamenti devono sempre essere adeguati ai nostri impegni. Monaco ci dovrebbe insegnare questo: che ogni bluff, alla lunga, viene scoperto. Non potremo ordinare a nessuno di tenersi lontano dal nostro emisfero finché i nostri armamenti e tutto il popolo che vi è dietro non saranno pronti a eseguire i nostri ordini, anche fino al sacrificio supremo della guerra. Non deve esservi alcun dubbio nelle nostre menti, la decisione deve essere immediata: se discutiamo, se esitiamo, se poniamo dei quesiti, sarà troppo tardi”.
John F. Kennedy
(dal suo libro “Perché l’Inghilterra dormì”, scritto nel 1940)

22 novembre


Israele si ritiri dai territori occupati nel 1948

Fantastica parodia dello stile di Thomas Friedman, columnist liberal del New York Times, sul diverntentissimo sito Allah pundit.

21 novembre


People want to be free

Il solito fantastico Michael Ledeen (sullo Spectator)

21 novembre


Questi due blog iracheni sono fantastici

E raccontano un altro paese rispetto a quello che si legge sui giornali italiani (tranne uno). The Mesopotamian, e Iraq the model.
Che siano Wolfie e Condi a scriverli?

21 novembre


Secondo Scalfari, il card. Ruini è un semplice “cappellano”

Il Foglio, 21 novembre


L’Atlantic Charter contro il totalitarismo

Il Foglio, 21 novembre


Bush & Blair

Il Foglio, 21 novembre


Jalal Talabani, leader curdo e presidente del Consiglio governativo iracheno:

“I nemici della libertà irachena non sono la ‘resistenza’, un termine che evoca l’eroismo nella Seconda guerra mondiale dei polacchi che combattevano nobilmente contro l’occupante. Né possono essere chiamati ‘guerriglieri’ coloro che uccidono i nostri liberatori americani, i lavoratori della Croce rossa, i funzionari delle Nazioni Unite e i carabinieri italiani. Sono piuttosto terroristi. Sono i criminali e i torturatori che repressero i loro compatrioti iracheni durante gli ultimi trentacinque anni, gli esecutori del genocidio, uomini che massacrarono centinaia di migliaia di curdi, di arabi delle paludi e di sciiti. La creazione di una controrivoluzione antidemocratica e fascista, formata da baathisti e volontari islamici stranieri, alcuni di loro sono di al Qaida e di Ansar al Islam, è una classica empia alleanza mediorientale. Queste persone hanno maggior sostegno tra i mass media arabi e negli studi di al Jazeera di quanto ne abbiano in Iraq”.
Wall Strett Journal, 20 novembre

Il Foglio, 21 novembre


I fascisti islamici hanno colpito ancora la capitale dell’Islam moderato

20 novembre


Guantanamo

Il Corriere è entrato dentro la base di Guantanamo e ha raccontato quello che su questo blog è stato riportato più volte non perché Camillo sia mai andato a Guantanamo ma semplicemente perché legge giornali non acceccati dalla propaganda antiamericana. Dunque, per il Corriere a Guantanamo non c’è alcuna traccia di tortura. I fondamentalisti non hanno garanzie giuridiche (è questo non è un bene, affatto) e una ventina di loro – all’inizio della detenzione – hanno tentato il suicidio. Detto questo, le condizioni di vita sono migliori di molti altri carceri occidentali. Il racconto è sorprendente. E chiude la questione torture.

20 novembre


La migliore correzione di tutti i tempi

Correzione su un giornale di Cleveland: “A causa di un errore, l’articolo di prima pagina di ieri ha attribuito per sbaglio una citazione di Saddam Hussein al capogruppo di minoranza al Senato, Tom Daschle”.

20 novembre


Chiedeteci scusa (e visto che ci siete anche a Richard Perle)

Blog iracheno critica Onu, Francia e pacifisti
Nessun conflitto d’interesse per Perle, erano prive di fondamento le accuse del New Yorker e del New York Times

20 novembre


Break out, Serra è diventato neocon

Il Foglio, 20 novembre


Rep. stronca il samurai comiziante Travaglio

19 novembre


Da oggi Camillo si schiera con Giuliano Amato

Pregasi leggere il suo sito alla voce weblog.

19 novembre


Ciao “mia cugina, mia cugina”

19 novembre 2003


Sullivan su Bush e Blair

19 novembre


Il matrimonio tra gay è legale in Massachussets

18 novembre


E’ come L’ultimo dei Mohicani

Il primo romanzo di Jimmy Carter: “The Hornet’s Nest”

18 novembre


Liberal, neocon e realisti discutono della “peste” terrorista

Il Foglio, 18 novembre


Per Scalfari c’è un terrorismo con motivazioni “accettabili”

Il Foglio, 18 novembre


“I nostri fratelli”

Il Ny Sun sui carabinieri

18 novembre


E’ tornato Stephen Hendry

Mordecai Richler ne sarebbe entusiasta
(Grazie a Gian Paolo)

18 novembre


Late night jokes

Strepitoso. Grazie a Pierpaolo

17 novembre


Agenda Kristol

Intervista al direttore del Weekly Standard

15 novembre


Recensire Rep. e scoprire che Zuccopycat fa l’elogio di Kissinger

15 novembre


Quale svolta?

Il Foglio, 14 novembre


Recensire Rep. e scoprire che “l’utilizzo più ecumenico del prosciutto è il panino”

Il Foglio, 14 novembre


Recensire Rep. e scoprire che Bonanni sembra Giada De Blanck

13 novembre


Uccisi diciotto italiani a Nassirya

Un attacco terroristico contro il quartier generale dei carabinieri nel sud dell’Iraq.

12 novembre


Proposta al direttore generale della Rai

Il Foglio, 12 novembre


Questa cosa

Questa cosa che Prodi non possa fare politica è una stupidaggine pazzesca, nonostante sia prevista dalla prassi comunitaria. E’ ancora più inspiegabile è il Polo che parla di conflitto d’interessi.

12 novembre


Rep. scarica il martire Luttazzi

Il Foglio, 12 novembre


Neocon anti Rumsfeld

Kristol e Kagan criticano il realista Rumsfeld.

10 novembre


Lady Asp! consiglia di non uscire con uomini di destra

Il Foglio, 11 novembre


Quelli che rubarono

Secondo il prestigioso Times di Londra

11 novembre


Presidenze

Grazie a 1972 si possono confrontare i discorsi di JFK (Ich bin ein Berliner, del 26 giugno del 1963), di Ronald Reagan (A crusade for freedom, pronunciato nel 1982 a Westminster) e di George Bush sulla democrazia in Medio Oriente di giovedì scorso.

10 novembre


“Missione Compiuta” (MISSION ACCOMPLISHED)

Disse Madeleine Albright, segretaria di Stato di Bill Clinton, nel 1998 dopo i bombardamenti (Desert Fox) contro Saddam
(Via Andrew Sullivan)

10 novembre


Elogio di Milano 2

Il Foglio, 8 novembre


“E ora lo porto a casa e lo faccio penzolare dal balcone”

E’ nato il figlio di David Letterman. Qui i primi due punti della top ten: “Motivi per cui sono entusiasta di essere padre”:

1. There is now tangible evidence that I have had sex
2. Two words: Swedish nanny

8 novembre


La strategia del Tapiro

Nota politica

Il Foglio, 7 novembre


L’asse sinistra- Kissinger

Il Foglio, 7 novembre


Editoriali copia-e-incolla

Il Foglio, 7 novembre


La battaglia per la democrazia

Discorso fantastico

6 novembre


Il New York Times (cartaceo) cambia grafica

Meno male.

6 novembre


Per decrittare il direttore bisogna leggere Virzì

Redazionalmente Corretto

Il Foglio, 6 novembre


La linea sfaccettatissima di Prodi

Redazionalmente Corretto

Il Foglio, 5 novembre


Clamoroso, Mazzocchi ammette:

“Ai naufraghi in difficolta’ ‘e stato dato da mangiare”.
E’ successo in un paio di casi, come aveva scritto Panorama. Per il resto non viene dato cibo aggiuntivo, ma Mazzocchi mette le mani avanti e precisa “a meno che qualcuno non abbia ceduto alle loro moine o ( ‘e successo con gli spagnoli ) non sia stato corrotto”. Poi una mezza confessione, o forse una battuta: “Ripeto, se poi qualcuno molla a nostra insaputa…( confesso: l’ho fatto anche io!!!!! ma non ditelo a nessuno…)”.
Comunque non ce ne frega niente: L’isola, anzi la spiaggetta, dei famosi è il programma più bello degli ultimi anni.
Proposta per il prossimo anno: inviare nell’isola i partecipanti del primo Grande Fratello: Taric, Marina La Rosa, Rocco Casalino eccetera.

4 novembre


Tab’an ahsan

La frase che, secondo una lunga inchiesta di Time, dicono tutti gli iracheni del nord e del sud alla domanda se ora, con gli americani, si sta meglio o peggio rispetto ai tempi di Saddam. Vuol dire; “Naturalmente, meglio”.

4 novembre


I fantasmi di Zuccopycat

Il Foglio, 4 novembre


Blemish

di David Sylvian

Capital, novembre


Licenziate chi ha mandato Wolfie in quell’albergo

E magari tutti quei funzionari del Dipartimento di Stato e della Cia che trattano con gli ayatollah iraniani. Ci sono loro dietro la guerrgilia irachena.
Non si può dire che Michael Ledeen non sia chiaro.

4 novembre


Il senatore Democratico che voterà Bush

Articolo di Zell Miller (già ritratto sulla prima pagina del Foglio di sabato) per il Wall Street Journal.

4 novembre


Cose da fare subito

Petizione a Romano Prodi

3 novembre


Quel cocacolista di Noam Chomsky

L’apprezzato linguista americano turned politologo (meno apprezzato) spiega al magazine del New York Times perché è contrario allo Stato d’Israele. Non è una novità. Ma la notizia è all’ultima risposta. L’idolo degli antiamericani di ogni taglio e fatta, post sovietici, no global, movimentisti, pacifisti e radical chic, a proposito degli Stati Uniti dice: “Questo è il miglior paese del mondo”.

3 novembre


La colpa è di Chalabi, ovvio no?

Lungo articolo sul NYT che imputa al leader liberale e democratico iracheno, Ahmed Chalabi, e ai suoi amici neocon, tutte le colpe per la situazione attuale in Iraq. Magari, però, il piccolo merituccio di aver liberato l’Iraq e il Medio Oriente da un dittatore sanguinario gli poteva essere riconosciuto.

3 novembre


Il caso Duranty è un complotto politico

Scrive Rep. per allontanare forse i sospetti sui giornalisti falsari. Qui il vero caso Duranty.

Il Foglio, 1 novembre


Dischi jazz che non entreranno in classifica

1 novembre


Lo sbarco sulla Spiaggetta dei Famosi

1 novembre

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter