Repubblica oggi fa una pagina indignata sui combattimenti tra l’esercito ufficiale iracheno e le milizie sciite che controllano le città del sud. Morte, sangue, dolore. Si lascia intendere sia colpa di Bush, ovviamente. E malgrado ciò si riconosce che al nord e a Baghdad siano stati sconfitti i nostalgici del dittatore e i filo Al Qaida (Rep. non dice perché, ma il motivo è che la CAsa Bianca ha agito in modo contrario alla linea proposta da Repubblica e dal New York Times). Ma il punto è questo: nell’articolo non c’è emmeno una riflessione, un pensiero, una riga sul fatto che gli scontri e le città controllate dalle milizie sciite, Nassiriyah e Bassora, siano quelle da dove ci siamo ritirati noi e gli inglesi.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter