Camillo di Christian RoccaPowell e i giornali

– L’endorsement di Colin Powell per Obama non sposta un voto, un po’ perché sono già tutti spostati, un po’ perché i repubblicani lo odiani più di McCain. Quegli unici due giornalisti indecisi (indecisi se dire o no che voteranno Obama), però li ha convinti.
– Il premio titolo più comico del mese, va a Repubblica, in prima pagina: "Schiaffo a Bush, Powell per Obama" (perché escludere la botta a Eisenhower?)
– I giornali dovrebbero mettere Sarah Palin a borderò, grazie a lei hanno trovato una scusa formidabile per schierarsi con Obama (in mancanza, sarebbe andato bene anche "non ci sono più le stagioni di una volta"). Tutti scrivono che Palin è stata un’errore. E’ una stupidaggine. Non è stata un errore, anzi la Palin è l’unica ragione per cui la candidatura di McCain è ancora in piedi. Grazie a lei il 4 novembre, McCain manterrà i voti di una buona parte degli stati conservatori.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter