Camillo di Christian RoccaLa prima gaffe di Obama

Senza alcun clamore mediatico, Obama ieri ha fatto la prima gaffe, anzi secondo me ne ha fatte due. Prima ha fatto una battuta, diciamo alla Berlusconi, su Nancy Reagan e le sue antiche manie di fare sedute spiritiche. E poi s’è scusato ufficialmente con l’ex first lady. Poco prima aveva chiesto a una brava giornalista di Chicago perché avesse il braccio fasciato e quando quella gli ha detto che era caduta mentre cercava di avvicinarsi al palco per sentire il suo discorso della notte elettorale, Obama non le ha detto "mi dispiace", ma solo un freddo e distaccato "è l’unico incidente che mi risulta della festa a Grant Park". Bush avrebbe mostrato compassione, Clinton sarebbe corso a tastarle il braccio per cercare di guarirlo con le sue proprie mani. Obam è cool.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter