C'era una voltaPonte di Rialto: alla vecchia brucerà la mona?

La prima pietra del ponte di Rialto fu posata l'8 giugno 1588 (prima era un ponte levatoio di legno) e fu ultimato in circa tre anni. Narra la leggenda che due anziani menagramo scuotessero la test...

La prima pietra del ponte di Rialto fu posata l’8 giugno 1588 (prima era un ponte levatoio di legno) e fu ultimato in circa tre anni. Narra la leggenda che due anziani menagramo scuotessero la testa vedendo il nuovo ponte. La vecchia avrebbe detto: «Che me se brusa la mona se el ponte no casca» (che mi prenda fuoco la vulva se il ponte non crolla). L’uomo avrebbe invece affermato: «Che me cressa un’ongia su l’oseo se el ponte no casca» (che mi cresca un’unghia sul pene se il ponte non crolla).

Nulla di tutto ciò è accaduto, così in due capitelli del palazzo dei Camerlenghi (costruito ai piedi del ponte per impedire che il peso allontanasse le rive del Canal Grande) sono stati raffigurati un uomo con una specie di terza gamba unghiuta e una donna con un fuoco in mezzo alle gambe. Dopo il crollo della colonnina (è la quarta che cade) la profezia potrebbe avverarsi.

Qua sotto, un’immagine dei due capitelli.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta