YottabyteUltrabook: Intel ci riprova

Computex, Taiwan. Appuntamento fondamentale per l'industria dell'elettronica di consumo, le novità per ora sono state rappresentate dai nuovi tablet, tanto per cambiare, e dallo speech di Intel che...

Computex, Taiwan. Appuntamento fondamentale per l’industria dell’elettronica di consumo, le novità per ora sono state rappresentate dai nuovi tablet, tanto per cambiare, e dallo speech di Intel che ha dato al mondo il nuovo concetto di Ultrabook.

Intel, quindi, ci riprova. Dopo i CULV-Consumer Ultra Low Voltage lanciati in pompa magna e rapidamente archiviati (qualcuno dei non addetti ai lavori ricorda le grandi campagne pubblicitarie di due estati fa che pubblicizzavano “durata della batteria e leggerezza anche per gli utenti consumer”?) rilancia con gli Ultrabook.

Conoscendo come reagisce questa industria vedremo sicuramente comparire questa “nuova” categoria di prodotti entro fine anno.
L’idea, come per i CULV, é sicuramente buona e molto sensata. Offrire anche agli utenti consumer un notebook sottile e leggero con durata della batteria senza compromessi.

Un netbook? Molto di più, sia come prestazioni sia come dimensioni (in questo caso molto di meno).
Un ultraportatile? Qualcosa di simile agli ultraportatili Business di fascia alta ma con veste consumer (banalmente il sistema operativo) e con un prezzo dimezzato (se le indiscrezioni sui prezzi “inferiori ai 1000 dollari” verranno confermate).

Una novità? Un ritorno direi. Le premesse di base, fatte salve le novità tecnologiche intercorse, sono le stesse che erano alla base dei Consumer Ultra Low Voltage.
Come sono finiti? Svenduti e rapidamente archiviati.
Certo i tempi erano differenti (non esistevano i tablet, banalmente) e i consumatori possono reagire in modo differente ma voi spendereste 1000 euro per un ultrabook? A vedere i risultati di vendita dei MacBook Air (cito Apple perchè in questo momento tutto ciò che é mela sembra essere circondato da un magico alone) non sembrerebbe ma come al solito il mercato darà le sue risposte e influenzerà le evoluzioni future. Stay tuned.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta