Neverland - Sogni, Giochi, RealtàRebus “di Canossa”

GIOCO   Un rebus dedicato ad Alessandra di Canossa, segretaria di redazione de Linkiesta. Auguri, Alessandra!   Ovviamente il soggetto della vignetta è un bassorilievo della cosiddetta "Umiliazione...

GIOCO

Un rebus dedicato ad Alessandra di Canossa, segretaria di redazione de Linkiesta.

Auguri, Alessandra!

Ovviamente il soggetto della vignetta è un bassorilievo della cosiddetta “Umiliazione di Canossa”, che vide protagonista di primo piano una grande donna, Matilde di Canossa.

L’episodio risale all’epoca della lotta per le investiture: il papa Gregorio VII aveva scomunicato l’imperatore Enrico IV (22 febbraio 1076), di fatto deponendolo, perché scioglieva i sudditi dal giuramento di fedeltà al sovrano. Per tre giorni, d’inverno (25-27 gennaio 1077), Enrico fu costretto a umiliarsi inginocchiato nella neve, nei pressi del castello della marchesa Matilde, dove il papa si era rifugiato.

Alla fine, dice la storia, Enrico IV dovette perfino baciare la pantofola al pontefice! La storia non finisce qua, Matilde dovette comunque far fronte alle truppe imperiali, riuscendo a sbaragliarle contro ogni aspettativa! Chi vuole saperne di più può leggere la voce di Wikipedia sul di lei.

Buona soluzione!
(PS – ricordate che nei rebus a volte i nomi “utilizzati” non sono necessariamente i più “usati”.)

La soluzione è già qui!

Potete provare a mandarmi i tentativi di soluzione qui: bepperoncari@yahoo.it

Matilde di Canossa, con l’imperatore Enrico IV in ginocchio e l’Abate Ugo di Cluny in una miniatura su un codice del 1115.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta