Un pugno di moscheNo-bel, anzi proprio Brutt!

Mesi fa avevamo parlato di quel premio Nobel per la Pace assegnato alla presidente della Liberia ... Come no, quel piccolo Paese dell'Africa occidentale con quella brutta storia dei soldati-bambini...

Mesi fa avevamo parlato di quel premio Nobel per la Pace assegnato alla presidente della Liberia … Come no, quel piccolo Paese dell’Africa occidentale con quella brutta storia dei soldati-bambini alle spalle, ma c’era pure dell’altro no? Si, l’orrore della rapina delle terre per mano di investitori stranieri che con la complicità di amministrazioni corrotte fanno deportare gli abitanti dalle terre dei loro avi per impiantarvi mono-colture intensive, già. Ma il No-bel, che c’entra? Gli svedesi devono aver sofferto il jet-lag, o forse una malattia tropicale, e hanno conferito il lucroso premio alla Presidente di quel Paese la quale ora inizia ad ammettere che in effetti si e’ verificato qualche inconveniente – frodi e corruzioni, ad esempio – nella cessione dei terreni del suo popolo a investitori malesi. Oops! Dormiamo ora, in attesa dei Nobel Prize 2012 …

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta