C'era una voltaMussolini: «Trieste è tedesca». Cazzullo: «Trieste è italiana»

Benito Mussolini nel 1909 andò a fare il maestro elementare a Trento, al tempo città austroungarica. Al ritorno scrisse: "Il Trentino veduto da un socialista", pubblicato nel 1911 a Firenze dai Qua...

Benito Mussolini nel 1909 andò a fare il maestro elementare a Trento, al tempo città austroungarica. Al ritorno scrisse: “Il Trentino veduto da un socialista”, pubblicato nel 1911 a Firenze dai Quaderni della Voce. La citazione completa di pagina 20 è questa: «L’Italia ha ridotto i suoi confini a Udine. Trieste è tedesca. Questa carta geografica non è un’anticipazione alla Wells. Assai difficilmente Trieste potrà mai diventare politicamente italiana. È la Germania che tende a Trieste».

Aldo Cazzullo, inviato del “Corriere della sera”, nel 2012 va a Trieste. Il 5 marzo 2012 pubblica nel quotidiano un reportage dal titolo: “Trieste, la bella ‘dimenticata’”. La citazione della fine del pezzo è questa: «Trieste insomma è nostra, appartiene più che mai all’Italia, e l’Italia le appartiene; anche se spesso se ne dimentica».

Trieste è una città plurale.

«Non dobbiamo pensare: “Questa terra è nostra”, ma “Noi siamo di questa terra”»

(Fulvio Molinari, giornalista, esule istriano)

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta