A piedi nudiEmilia…un vecchio e un bambino e…fagioli da sgranare!

Ho deciso, tornata a casa tardi, di raccogliere i primi fagioli anche se buio. E ne ho presi un pò anche verdi. Quando si va di corsa purtroppo qualche errore si fa. Ma a volte non ho alternative, ...

Ho deciso, tornata a casa tardi, di raccogliere i primi fagioli anche se buio. E ne ho presi un pò anche verdi. Quando si va di corsa purtroppo qualche errore si fa. Ma a volte non ho alternative, quindi mi devo adattare a ritmi un pò diversi dai normali

Mi sono quindi accomodata sul divano e ho cominciato a sgranarli mentre in tv scorrevano le immagini dell’happening emiliano. Un gara di solidarietà che ha visto riunite parecchie persone. Mentre toglievo dal baccello le “preziose” perle ….Francesco Guccini mi riportava indietro nel tempo……

Un vecchio e un bambino si preser per mano
e andarono insieme incontro alla sera;
la polvere rossa si alzava lontano
e il sole brillava di luce non vera…

L’ immensa pianura sembrava arrivare
fin dove l’occhio di un uomo poteva guardare
e tutto d’ intorno non c’era nessuno:
solo il tetro contorno di torri di fumo…

I due camminavano, il giorno cadeva,
il vecchio parlava e piano piangeva:
con l’ anima assente, con gli occhi bagnati,
seguiva il ricordo di miti passati…

I vecchi subiscon le ingiurie degli anni,
non sanno distinguere il vero dai sogni,
i vecchi non sanno, nel loro pensiero,
distinguer nei sogni il falso dal vero…

E il vecchio diceva, guardando lontano:
“Immagina questo coperto di grano,
immagina i frutti e immagina i fiori
e pensa alle voci e pensa ai colori

…..e in questa pianura, fin dove si perde,
crescevano gli alberi e tutto era verde,
cadeva la pioggia, segnavano i soli
il ritmo dell’ uomo e delle stagioni…”

Il bimbo ristette, lo sguardo era triste,
e gli occhi guardavano cose mai viste
e poi disse al vecchio con voce sognante:
“Mi piaccion le fiabe, raccontane altre!”

Fiabe, ricordi, solidarietà e buon cibo… Serata perfetta!

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta