Adottiamoci tanto beneIl pagliaccio e la principessa

Non che fossi all’oscuro del dibattito sulla passione delle nuove bambine per le principesse e gli abiti rosa confetto, ma dalla prospettiva di una madre adottiva – chiamata a confrontarsi con str...

Non che fossi all’oscuro del dibattito sulla passione delle nuove bambine per le principesse e gli abiti rosa confetto, ma dalla prospettiva di una madre adottiva – chiamata a confrontarsi con strappi e lacerazioni di varia natura, per lo più di una certa gravità – lo avevo tenuto un po’ a latere, come si fa con le questioni di un certo interesse ma non proprio prioritarie. Fino a che non è caduto dritto dritto sulla testa della piccola Sofia.

Un pomeriggio viene a casa una sua amichetta di scuola. “Da che ti vestirai Flavia per Carnevale?”, ho chiesto io mentre stavano facendo merenda. “Non ho trovato la maschera da principessa, quindi mi vestirò da damina” “Bello, e tu Sofia, da che ti vuoi mascherare?”. Flavia interviene pronta: “Potresti mascherarti da fatina!” “Sì sì mamma, da fatina”. E va bene.
Premetto che Sofia – a differenza di Anna – detesta indossare gonne e vestitini, fosse per lei starebbe sempre in tuta. In questo la trovo simpatica, simile a me quando avevo la sua età. Ma mentre quando ero piccola io anche tutte le mie compagne erano così, adesso le proporzioni si sono invertite, e Sofia viene regolarmente scambiata per un maschio. Poco male, mi sono detta…

Leggi il resto del post su www.amalteablog.com

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta