BabboradioLo chiederei a un papà – o a una mamma – gay.

Tra le curiosità che ogni tanto mi pungolano - e affidarle al blog mi pare buona cosa - ci sono alcune domande riguardo alle famiglie composte da genitori omosessuali. Premetto: non ho alcuna posiz...

Tra le curiosità che ogni tanto mi pungolano – e affidarle al blog mi pare buona cosa – ci sono alcune domande riguardo alle famiglie composte da genitori omosessuali. Premetto: non ho alcuna posizione al riguardo, semplicemente perché non ritengo ce ne sia bisogno. Sono già una realtà, dunque chiedersi se accettarla o no mi pare una perdita di tempo. In questioni sociali così delicate, per me il discrimine è sempre lo stesso: se io mi assumo la responsabilità di ciò che faccio, ho tutti i diritti di fare le mie scelte. Anche se vanno contro il senso comune o la comune morale dominante.

Detto questo, vorrei tenermi bene al largo dalle inutili e fruste polemiche su cosa è famiglia e cosa non lo è, e fare una domanda precisa: i figli come percepiscono/come percepiranno il loro mondo poco ‘tradizionale’, quali compiti educativi hanno/avranno i loro genitori, quanto sono diversi, quanto sono maggiori.

Dato che la questione è ‘giovane’ e fino a non molto tempo fa pruriginosa, non ho trovato gran che in rete, e comunque preferirei parlarne con qualcuno che ne sa. Per esempio, ospiterei volentieri su questo spazio un babbo – o una mamma – omosessuale che avesse voglia di raccontare la sua esperienza, la sua visione delle cose.

Per contattarmi, usate i commenti. Oppure facebook.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta