La schiena di GinoNigeria: l’Italia vuole difendere i cristiani

Popolo e governo insieme per difendere i cristiani. Tre elementi che, se considerati congiuntamente, fanno da soli notizia. Dopo che da poco più di una settimana è partita e va avanti una petizione...

Popolo e governo insieme per difendere i cristiani. Tre elementi che, se considerati congiuntamente, fanno da soli notizia.

Dopo che da poco più di una settimana è partita e va avanti una petizione bipartisan “Fermiamo la strage dei cristiani” (con quasi già 29 mila firmatari), anche il Governo del nostro Paese ha iniziato a prendere sul serio la mobilitazione contro le recenti stragi di cristiani in Nigeria e il continuo esodo dei cristiani in molte parti del mondo (come, per esempio, in Iraq e in Siria).

Giulio Terzi ha sollevato il problema durante il Consiglio Affari Esteri della Ue a Lussemburgo. La riflessioni dell’Italia sulla libertà religiosa e la tutela della sicurezza delle minoranze cristiane sono state accolte – ha riferito ancora Terzi – “con forte convergenza e sostegno” tra i suoi colleghi europei. Pertanto, si sta valutando la possibilità di intraprendere anche un’azione più ampia all’interno dell’Onu.

La strada è ancora lunga, ma è un incoraggiante inizio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta