La schiena di Gino

La schiena di Gino

«L’idea che la realtà sia qualcosa alla quale dobbiamo essere ricondotti a caro prezzo è di rado compresa dal lettore superficiale, ma è un’idea implicita nella visione cristiana del mondo». Così, nel 1963, Flannery O’Connor osserva senza alcuna esitazione di fronte a una platea di studenti radunati per ascoltare la grande scrittrice cattolica introdurre la lettura di uno dei suoi racconti più famosi, A Good Man is Hard to Find. Questo blog – il cui titolo è un omaggio (indegno) a uno stupendo racconto dell’autrice di Savannah – è un tentativo ‘ironico’ di essere un intellettuale pubblico, come nel corso del XX secolo fu uno dei padri della tradizione realista nelle Relazioni Internazionali, il teologo protestante Reinhold Niebuhr. 

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club