Italia – Germania: fratelli diversi?Prost! Facciamoci una birra

Mettere d'accordo italiani e tedeschi si può. Abbandoniamo per un momento pregiudizi e luoghi comuni, rilassiamoci e, birra per tutti, stasera offro io. Che la preferiate chiara, ambrata o doppio m...

Mettere d’accordo italiani e tedeschi si può. Abbandoniamo per un momento pregiudizi e luoghi comuni, rilassiamoci e, birra per tutti, stasera offro io.
Che la preferiate chiara, ambrata o doppio malto, l’importante è alzare i boccali, dire di cuore “Prost” (cin cin) e battere il bicchiere sul tavolo prima di bere. Questo suggerisce la tradizione beneaugurante tedesca.

La birra è una delle bevande più consumate al mondo e ha origini antichissime. La sua storia risale al 4500 a.C. Era conosciuta già dalle popolazioni mesopotamiche, dai sumeri, babilonesi, ebrei, greci e celti, i quali, questi ultimi, la bevevano abitualmente prima e dopo le battaglie. Il consumo di birra divenne in seguito molto popolare fra i cristiani del Medioevo perché aveva proprietà curative. La producevano nei conventi e per questo la figura del frate è così frequente sulle bottiglie di birra.

Verrebbe da pensare che tutte le popolazioni, fin dall’alba dei tempi, fossero dei grandi bevitori; forse qualcuno lo era, ma in realtà il motivo per cui si faceva ricorso al consumo di birra era dato da ragioni prettamente igieniche: bere birra era più sano che bere acqua naturale perché a quel tempo l’acqua era spesso contaminata.
Fra le popolazioni del Nord Europa, la birra serviva a difendersi dalle temperature rigide e, nel corso dei secoli, Paesi come la Germania, ne hanno fatto la bevanda ufficiale. Alla birra hanno dedicato una festa; mi riferisco al famoso Oktoberfest che si ripete ogni anno nel mese di ottobre a Monaco di Baviera. La cerimonia d’inizio che, prevede lo stappo della botte, è trasmessa in diretta, in Eurovisione.

L’Oktoberfest dimostra quanto la birra sia importante per i tedeschi. E per noi italiani? Anche!
Lo testimoniano i viaggi, con destinazione Monaco, che sono organizzati ogni anno da tante città italiane. Ho visto scene di fratellanza e relazioni inaspettate tra chi normalmente si etichetta come “mafioso” e “crucco nazista”. Ecco come pare si possano accantonare le ostilità, i pregiudizi storici che ancora persistono tra italiani e tedeschi. Basta poco: il potere della birra avvicina magicamente due popoli e ci si improvvisa in brindisi canterini.

Un angolo scanzonato di Germania si può trovare anche in Italia. Esiste una festa della birra in puro stile tedesco che si tiene ogni anno a Marina di Carrara e porta il nome di “Septemberfest”. Esiste dal 1976 come testimonianza del gemellaggio tra la città di Carrara e la città tedesca di Ingolstadt. Il successo della manifestazione è dovuto all’originalità bavarese di birra, musica, spettacoli e specialità gastronomiche.
Ho un bellissimo ricordo di entrambe le feste, ma se ne dovessi consigliare una, senza dubbio, opterei il Septemberfest. Non diciamolo ai tedeschi.