A tutto TondiPD, UDC e SEL: e il programma dove sta?

Bersani, intervistato oggi da l'Unità, dice che il PD non vuole proporre una nuova Unione, ma che l'alleanza con SEL e UDC sarebbe un patto finalizzato a fare le riforme di cui il paese ha bisogno....

Bersani, intervistato oggi da l’Unità, dice che il PD non vuole proporre una nuova Unione, ma che l’alleanza con SEL e UDC sarebbe un patto finalizzato a fare le riforme di cui il paese ha bisogno.

Il che, viene da dire, è un obbiettivo molto più ambizioso del guazzabuglio che Prodi aveva costruito nel 2005.

Ma quale sarebbe il programma di questa alleanza per le riforme? Il rischio (o, per meglio dire, la certezza) è che ci sia l’alleanza ma manchi una vera volontà riformista.

Basta guardare agli obbiettivi dei singoli partiti: l’UDC è una formazione clericale la cui unica ragion d’essere è l’opposizione all’ulteriore allargamento dei diritti civili. SEL è contraria a politiche “liberiste” (ma non conosce il significato del termine, visto che Vendola l’ha più volte associato a Berlusconi) e favorevole ai diritti civili osteggiati dall’UDC. Il PD non è né favorevole né contrario a qualsiasi tema, pare.

Ora, sappiamo tutti che l’UDC non sarà mai disposta al riconoscimento di nuovi diritti, come i matrimoni gay, il testamento biologico, et cetera. Quelli di SEL, come già detto, hanno un’idea tutta particolare di quel che significhi “liberismo”, quindi può darsi che in realtà siano disponibili ad approvare misure volte a liberalizzare alcuni settori. Probabilmente però in cambio chiederebbero l’approvazione dei diritti civili, per poter portare qualcosa di concreto ai militanti (che alle liberalizzazioni non sono così interessati). Ma con l’UDC i diritti te li puoi sognare.

Morale? Nessuna riforma per liberare l’economia e nessuna riforma per liberare la società. Piuttosto, un governicchio che naviga alla giornata, distribuendo poltrone e magnificando la propria mirabile sintesi politica tra “progressisti” e “moderati”. Una strada che può solo condurre ad un lungo periodo di stagnazione economica e sociale. Altro che riforme.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta