Mi consentoPovera patria, Battiato, ma i 100mila euro da Fiorito non si rifiutano

La premessa è d’obbligo: a me Franco Battiato sta cordialmente antipatico. Gli riconosco, ovviamente, una statura di artista di livello, sono stato innamorato di alcune sue canzoni, ma l’ipocrisia ...

La premessa è d’obbligo: a me Franco Battiato sta cordialmente antipatico. Gli riconosco, ovviamente, una statura di artista di livello, sono stato innamorato di alcune sue canzoni, ma l’ipocrisia del personaggio finto distaccato, spirituale eppure nella vita così terreno, col sermone sempre pronto, mi ha sempre infastidito.

E quindi apprendere oggi dal Messaggero di quel suo concerto nella Anagni di Franco Fiorito, nel 2003, in occasione del settecentesimo anniversiario del famoso schiaffo, pagato da Batman ben 100mila euro, mi ha fatto sorridere.

Sì, lo so, conosco le obiezioni: che c’entra Battiato? lui è un artista, fa il suo lavoro, se dovesse chiedere informazioni sui politici che organizzano concerti allora non canterebbe più. Lo so, lo so, è tutto vero. Però ascoltare “Povera patria” ricordando quei 100mila bigliettoni è tutt’altra musica. 
 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta