Neverland - Sogni, Giochi, RealtàPremio Archimede 2012

GIOCO (che diventa Realtà)   OK, non dovrei fare autopubblicità e ci vuole anche un po' di scaramanzia...* per cui mi limiterò a parlare del Premio Archimede, il concorso per giochi di società, di ...

GIOCO (che diventa Realtà)

OK, non dovrei fare autopubblicità e ci vuole anche un po’ di scaramanzia…* per cui mi limiterò a parlare del Premio Archimede, il concorso per giochi di società, di carte e da tavolo organizzato a Venezia ogni 2 anni da studiogiochi.

* [Per chi è curioso vi dirò solo che sono passato alla fase finale con un gioco che potete trovare fra i 66 finalisti. – link qui]

Il prossimo 29 settembre 2012, presso l’Istituto d’Arte Guggenheim di Venezia, si terrà la cerimonia di votazione e di premiazione in diretta dei partecipanti al PREMIO ARCHIMEDE, uno dei pochi concorsi in Italia e in Europa in cui viene premiato questo genere di giochi, che va dagli scacchi a Carcassonne, da Magic the Gathering al Monopoli.

Quest’anno i giochi partecipanti sono stati addirittura 146! Fra di loro è stata scelta una rosa di 66 giochi finalisti che saranno esposti al pubblico. Fra di loro, nel pomeriggio, verranno indicati i 15 candidati finali e poi si procederà alla votazione in diretta dei giochi vincitori.

È un concorso internazionale. Per intenderci, due anni fa il secondo e il terzo posto sono stati entrambi assegnati al giovane game-designer australiano Phil Walker-Harding, che partecipa anche quest’anno con il gioco Temple of the sun. Il Premio 2010 invece era andato all’italiano Pier Volontè con Aquileia.

Il vincitore 2010, Aquileia.

In Italia non è diffusa la cultura dei giochi da tavolo come nel resto d’Europa (e in alcuni casi del mondo) in cui pullulano negozi specialistici, ma in compenso brillano molte stelle nell’universo degli inventori. Aquileia stesso è stato pubblicato dalla Zoch in Germania prima che in Italia!

Ormai mancano solo 8 giorni… vi va di venire e di scoprire questo nuovo mondo?

Ciao! ^___^

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta