BabboradioA me le scuse della polizia non bastano

Premetto: non conosciamo la vicenda, difficile giudicare. L'unica testimonianza è quella delle immagini e dei commenti giornalistici, da cui emergono solo dubbi, quesiti, domande probabilmente senz...

Premetto: non conosciamo la vicenda, difficile giudicare. L’unica testimonianza è quella delle immagini e dei commenti giornalistici, da cui emergono solo dubbi, quesiti, domande probabilmente senza risposta:

– come fa un poliziotto solo a pensare di eseguire a quel modo l’ordinanza su un bambino di dieci anni? come si sente, adesso, a posto con la coscienza per aver obbedito come un bravo soldato?

– come fa un tribunale, proprio dopo i ripetuti tentativi falliti, a scegliere l’uscita da scuola come ‘territorio neutro’? il luogo dove si forma l’identità sociale di un bambino già problematico?

– come fa un padre ad assistere a una scena del genere e a non fare nulla?

– come fanno due genitori ad arrivare a una situazione del genere che, normalmente, dovrebbe avere come fine il bene del bambino, e ancora pretendere di continuare la guerra? ne sentono la responsabilità, o sono troppo presi a darsele?

Questo incredibile episodio è andato in onda (e, strano ma vero, nessuno se l’è presa con Chi l’ha visto?) e noi abbiamo provato l’ebbrezza e il terrore di vederci mostrata la realtà. Ora, come ci sentiamo?

Io, malissimo: è una cosa che non passa, che rimane dentro.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta