L’errore in rassegnaAtleticamente parlando…

Nel comunicato di lancio di un programma sportivo si parla di un’atleta. Voi direte… che c’è di strano o di sbagliato? L’apostrofo. Perché chi ha scritto quel comunicato avrebbe dovuto usare l’arti...

Nel comunicato di lancio di un programma sportivo si parla di un’atleta. Voi direte… che c’è di strano o di sbagliato? L’apostrofo. Perché chi ha scritto quel comunicato avrebbe dovuto usare l’articolo indeterminativo maschile. Prima di fucilarmi sulla pubblica piazza, aspettate di leggere il perché di quello che dico. Atleta, come dice il vocabolario, è un sostantivo maschile e femminile. Il che vuol dire che, per distinguere il genere, devo per forza ricorrere all’articolo e/o all’aggettivo che lo accompagna. Articolo maschile, atleta uomo; articolo femminile, atleta donna. Ed ecco, quindi, che arriviamo al dettaglio dell’errore. L’atleta che il giornalista presenta nel comunicato è un uomo. E quindi, un deve essere semplicemente un.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta