L’errore in rassegnaIndicativo presente o imperativo?

È lunedì mattina e, quindi, potrei anche essere un po’ più severa del solito mentre faccio rassegna stampa. Ma quello che non piace, oggi, non lo leggo dai giornali (che celebrano la vittoria della...

È lunedì mattina e, quindi, potrei anche essere un po’ più severa del solito mentre faccio rassegna stampa. Ma quello che non piace, oggi, non lo leggo dai giornali (che celebrano la vittoria della Samp nel Derby della Lanterna) bensì in una mail che ho ricevuto pochi minuti dopo la colazione a base di spremuta e torta di mele. La mail, in realtà, è una risposta che stavo aspettando. Con estrema cortesia, presentavo al destinatario “una norma a procedere” in vista di un evento futuro. La risposta che ho ricevuto potrebbe aprire un dibattito. DATECI, mi ha scritto il mittente. Avrà voluto usare un indicativo presente (voi date a noi, molto gentilmente) oppure un imperativo (date a noi, e non se ne parla più)? Il voi, però, non compariva prima del verbo. Devo intendere quel verbo come un imperativo, quindi?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta