Storia MinimaMi indigno per la violenza più che per l’antisemitismo (rasato a zero come gli ebrei)

Nella violenza esercitata sul giovane nuotatore di Vicenza, molti si sono concentrati sulla frase “Rasato a zero come gli ebrei” e si sono preoccupati di un possibile crescente antisemitismo. Io in...

Nella violenza esercitata sul giovane nuotatore di Vicenza, molti si sono concentrati sulla frase “Rasato a zero come gli ebrei” e si sono preoccupati di un possibile crescente antisemitismo.
Io invece, mi preoccuperei, prioritariamente, di un’altra cosa: ovvero di chi ha perpetrato la violenza.

Per questo mi chiedo se accanto al problema del trauma subìto da un minore, che certo non è un problema da sottovalutare, non ci sia da discutere con determinazione, e credo prioritariamente, del doppio principio che ha messo in atto quel comportamento:

1) sentirsi padrone del corpo degli altri;

2) applicare la norma “punirne uno per educarne cento”.

Perché in questa indignazione per la frase antisemita a me sembra che si perda il centro del problema e forse da parte di un’opinione pubblica si voglia evitare deliberatamente di affrontarlo: ovvero l’innalzamento del tasso di violenza e di autoritarismo di cui quell’episodio è un segnale e che comunque non avrebbe perso di gravità anche se non fosse stata proinunciata una parola, qualsiasi parola.

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Studenti 60€
Amici 120€
Sostenitori 600€
Benefattori 1200€
Maggiori Informazioni