Storia Minima“Perché dei bambini siriani massacrati non si parla?”: se la domanda umanitaria nasconde un altro estremismo

Nella giornata di ieri più volte e con insistenza molti hanno fatto giustamente notare che la morte di molti bambini in Siria non avesse suscitato né scandalo, né orrore. Insomma che non si era dat...

Nella giornata di ieri più volte e con insistenza molti hanno fatto giustamente notare che la morte di molti bambini in Siria non avesse suscitato né scandalo, né orrore. Insomma che non si era data uso politica pregiudizievole di una notizia come nel caso dei bambini morti a Gaza. Anzi non si era data proprio notizia.

Ci ho pensato a lungo e sono rimasto incerto fino a che una persona a me molto cara non mi ha fatto notare che era vero, ma era anche vero l’opposto e che questo non rendeva innocenti nemmeno coloro che sottolineavano con scandalo quel silenzio di parte. Ossia che le sembrava che nemmeno da parte di coloro che si scandalizzavano per quel silenzio, ci fosse una indignazione disinteressata rivolta ai bambini, ma essi riproponevano, rovesciato e simmetrico lo stesso paradigma e lo stesso cinismo di coloro che stavano rimproverando.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Maggiori Informazioni