Media e PotereSartupper, se non hai i soldi stai alla larga dalle banche

Miccoli, ad di CheBanca!, lancia una provocazione: se il giovane imprenditore non è neanche riuscito a trovare i soldi, allora meglio che non si faccia neanche vedere dagli investitori. E voi siete...

Miccoli, ad di CheBanca!, lancia una provocazione: se il giovane imprenditore non è neanche riuscito a trovare i soldi, allora meglio che non si faccia neanche vedere dagli investitori. E voi siete d’accordo? Cosa avete provato sulla vostra pelle?

Lunedì scorso ho avuto modo di parlare con l’amministratore delegato di CheBanca! Christian Miccoli, Riccardo Luna – tra le altre cose oggi direttore di CheFuturo! – e Silvia Vianello, professoressa di Marketing allo SDA Bocconi di startup e finanziamenti, di cultura del fallimento e di soldi (in foto). Dati i protagonisti, non si è potuto fare a meno di parlare di startup e innovazione, visto che CheFuturo! è un progetto promosso da CheBanca! dove scrivono alcuni dei più rinomati protagonisti dell’ecosistema ‘startupparo’ italiano.

Mi si sono subito drizzate le orecchie quando Vianello ha affermato che ‘alle startup non servono tanto i soldi quanto la visibilità e le idee per farsi conoscere. Diceva, supportata da Miccoli, che i soldi sono un problema relativo, che è più importante sapere che le startup esistono, che non far avere loro dei finanziamenti.

Miccoli, ad di CheBanca!, enfatizzava ancor di più lanciando una provocazione: se il giovane imprenditore non è neanche riuscito a trovare i soldi, allora meglio che non si faccia neanche vedere dagli investitori. Ma come?

Questo post, che al momento sta facendo un po’ il giro della rete, continua qui.

Quello che vorrei sapere sono le vostre storie, cosa avete provato sulla vostra pelle se mai vi siete affacciati a queste situazioni. Vi aspetto sul mio blog.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta