Il Grande SatanaLa strana coppia

E' sicuro al 99%: Office, la suite di produttività contenente al suo interno beniamini di grandi e piccini come Word, Excel e PowerPoint, starebbe per approdare nientepopodimeno che su iPad. Quasi ...

E’ sicuro al 99%: Office, la suite di produttività contenente al suo interno beniamini di grandi e piccini come Word, Excel e PowerPoint, starebbe per approdare nientepopodimeno che su iPad. Quasi uno sbarco in Normandia.

Fonte: The Daily (RIP!)

Non si sa bene quando (inizio 2013? Primavera del 2013?), né in che termini (si parla di un abbonamento a Office 365: aspettiamoci un prodotto molto orientato al cloud), ma un curioso riferimento in una pagina del supporto tecnico scovato dai ragazzi di Mac4Ever sembra ormai lasciare poco spazio ai dubbi.

Una strana accoppiata quella tra Office e iOS, che però sono molto curioso di vedere. Si discute spesso, infatti, se i tablet possano o meno sostituire il Pc portatile tradizionale (notebook, ultrabook, netbook, etc). Personalmente credo che la partita si giochi soprattutto nel campo della produttività individuale.

Sì, lo so cosa state pensando. Il portatile serve anche per portarsi in giro l’entertainment (film, musica e compagnia bella, tutti regolarmente acquistati online, vero?), ma anche uno studentello di quindici anni prima o poi dovrà aprire un file di Word per compilare un modulo o scrivere una ricerca.

L’altro punto è la tastiera. La tecnologia touch è stata una rivoluzione, nessun dubbio a riguardo. Ma l’incarnazione di quest’ultima che più di tutte mi fa ancora storcere il naso è la tastiera virtuale. Non è facile abbandonare il “piacere” del tasto tradizionale, non a caso tanti dispositivi mimano le sue caratteristiche, per esempio con il tactile feedback (la piccola vibrazione che si produce premendo su un pulsante di una tastiera virtuale in alcuni dispositivi Android). E, sempre non a caso, in questo periodo stiamo assistendo all’invasione sul mercato di tanti dispositivi “ibridi” (dei tablet con tastiera fisica, per dirla in breve).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020